Home Eventi Non portare i mobili in discarica, pensa a rivenderli!

Non portare i mobili in discarica, pensa a rivenderli!

città: - pubblicato il: - ultima modifica: 5 Giugno 2012

L’interessante iniziativa è proposta da Ikea. L’idea piace anche alla Regione Lombardia, tanto che ne dà il patrocinio. Ne parliamo con l’assessore Belotti

Recuperare e riciclare mobili e complementi d’arredo perché così non diventino rifiuti da discarica. Piace l’idea all’assessore Daniele Belotti che in Regione Lombardia si occupa di territorio e urbanistica, tanto da firmare un protocollo di intesa con l’ideatrice Ikea per portare avanti un’iniziativa che vede coinvolti i quattro megastore lombardi dell’azienda retail.

“In passato vi è stato qualche timore ad affiancare un marchio commerciale al pubblico” – ha detto in merito Belotti – “ma quando vi sono iniziative condivise di solidarietà, a sfondo sociale e di tutela ambientale è giusto che l’ente pubblico si affianchi al privato e lo sostenga”.

Sì perché l’iniziativa di Ikea è quantomeno di quelle che si possono definire di marketing (a chi porta i mobili usati l’azienda riconosce un buono da 10/20 euro), ma anche solidale: il mercatino è gestito da alcune onlus che da tempo collaborano con Ikea e che beneficeranno del ricavato della vendita dei mobili usati.

“Siamo assolutamente disponibili a sostenere altre iniziative e progetti simili” – sono ancora parole dell’assessore – “che provengano da soggetti provenienti tanto dal privato, quanto dal pubblico o da associazioni: che si tratti di società private, scuole, comunità, associazioni no-profit e di volontariato”.

Intanto, Belotti annuncia che le azioni che “abbiamo inserito nel piano regionale di riduzione dei rifiuti saranno estese a tutta la Lombardia una volta in vigore, entro la fine dell’anno, il Piano regionale dei rifiuti”.

Diverse di queste azioni sono state avviate in forma sperimentale a Brescia, con un’iniziativa che ha visto coinvolti oratori (dove si sono svolti diversi mercatino dell’usato) e A2A e vanno dalla vendita di prodotti alla spina, il sostegno attraverso informazione e comunicazione ai prodotti con minor imballaggio, il recupero a fini sociali dell’invenduto alimentare della Gdo, le casette dell’acqua, la riduzione della carta negli uffici e della pubblicità commerciale nelle abitazioni, il sostegno ai prodotti a chilometro zero, il compostaggio domestico, i pannolini riutilizzabili e il recupero degli ingombranti.

I dettagli dell’iniziativa

Tra le iniziative previste nel protocollo d’intesa siglato tra la Regione Lombardia e Ikea figurano il mercatino USA&RIUSA che fino al 3 giugno offre la possibilità a coloro che portano vecchi mobili usati, anche non Ikea, di ricevere un buono acquisto da 10 o 20 euro, da spendere nei punti vendita dal 4 giugno al 31 luglio.

Il mercatino, allestito all’esterno dei negozi di Carugate, Corsico e San Giuliano, con il patrocinio dei rispettivi comuni, è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 19 e coinvolge i volontari di tre associazioni non profit locali a cui sarà destinato l’intero ricavato della vendita: a Carugate “Il Germoglio“, a Corsico “La Vita“, a San Giuliano l’associazione “A.I.O.S.S.“.

Nel negozio bresciano Ikea di Roncadelle, invece, sempre fino al 3 giugno, è presente la raccolta di giochi usati, un altro modo di riutilizzare le risorse dando loro una nuova destinazione sociale. Ikea contraccambia con un buono da 5 euro e i giochi raccolti sono ridistribuiti a bambini in situazioni di difficoltà da parte dell’associazione “Bimbo chiama bimbo“.

Per i clienti di Roncadelle partirà poi un test che darà loro la possibilità, al momento della consegna a casa di un nuovo mobile Ikea, di restituire quello vecchio da sostituire che sarà poi donato a una Ong locale.

Condividi: