Home Imprese Sostenibili Cossato, teleriscaldamento dai pioppi

Cossato, teleriscaldamento dai pioppi

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020

Un doppio colpo verde del comune di Cossato: risparmio sulle bollette dei cittadini, grazie al teleriscaldamento e creazione di un polmone verde per abbattere le emissioni di CO2

In provincia di Biella c’è un comune di 15.000 abitanti che si chiama Cossato che ha deciso di risolvere i suoi problemi di energia in modo sostenibile, grazie al buon senso e alla conoscenza tecnologica della Natura.

In questo modo è stato possibile dare vita a un ciclo integrato ed eco-sostenibile per la produzione di energia dalle biomasse grazie alla scelta dei pioppi.

Il problema principale delle centrali a biomasse infatti è la disponibilità continua della legna che costituisce la materia prima che fa funzionare l’impianto. Ecco perché per il funzionamento dell’impianto di Cossato sono stati scelti i poppi, per la precisione di qualità Monviso, in grado di ricrescere in breve tempo assicurando così una funzionalità ininterrotta all’impianto.

Il punto cruciale è stato infine l’accordo tra l’azienda agricola Pellerei, che ha messo a disposizione 5o0 ettari di bosco a pioppo, che garantisce 35.000 tonnellate di legno all’anno, e Ago Energia, gestore delle centrali a biomasse che ha affittato il terreno.

La centrale a biomassa permetterà al comune di Cossato, per l’anno prossimo, di offrire ai suoi cittadini il teleriscaldamento. Questa soluzione permetterà da un lato di offrire un significativo risparmio sulla bolletta e dall’altro di garantire al territorio comunale uno sfogo naturale – i 500 ettari di bosco – in grado di assorbire anidride carbonica.

Dati a corredo

Condividi: