Home News Rio+20, il testo dell’accordo

Rio+20, il testo dell’accordo

pubblicato il:
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Sono finalmente trapelate alcune indiscrezioni sul testo finale della conferenza sullo sviluppo sostenibile Rio+20 che a partire da domani sarà presentato ai capi di stato.

Nonostante un negoziato finito a tarda notte, per oltre 8 ore i delegati ONU, hanno tergiversato per rifinire gli oltre 283 paragrafi che lo compongono, dopo quasi una settimana di interventi. Questo documento di 49 pagine, che costituisce l’architettura fondamentale dell’accordo globale, dovrà poi essere approvato dai capi di stato.

Così scrive Emanuele Bompan, giornalista italiano, presente alla conferenza.

«Prendiamo atto, riconosciamo, ci auguriamo, cercheremo»: le formule usate più di frequente non richiamano infatti a programmi concreti, che potrebbero – si spera – essere aggiunti durante i prossimi giorni . Certo ci si auspica «di sradicare per sempre la povertà» (Par.2), di «porre fine ai combustibili fossili » (Par. 225) , di prendere atto della necessità di uno sviluppo sostenibile del lavoro, specie per i giovani» (Par. 25), di sottolineare «la crisi persistente dei cambiamenti climatici e la sua gravità» (Par. 26), auspicando «un’azione più ambiziosa». Il linguaggio è ispirante, idealista, illuminante. 50 anni fa sarebbe stato rivoluzionario. Oggi sembra una serie di dichiarazioni generiche, poco propense all’azione deve i capi di stato potranno costruire proposte e dichiarazioni commisurate agli interessi nazionali.

L’articolo completo, RIO, finalizzato il testo dell’accordo è stato pubblicato da BioEcoGeo.com

Emanuele Bompan è un giornalista ecologista. Si occupa di cambiamenti climatici, carbon finance, energia, politica internazionale, politica americana. Vive tra Washington DC e Milano. Collabora con testate come Sole24Ore, Terra, Left, La Nuova Ecologia, BioEcoGeo, giornalista multimediale, il suo obbiettivo è raccontare la geopolitica del clima, in ogni sua sfaccettatura. Si occupa anche di economia, cultura e società americana.

Condividi: