Home Tecnologie SeaOrbiter, il futuro diventa realtà

SeaOrbiter, il futuro diventa realtà

pubblicato il: - ultima modifica: 5 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

I più vecchi di voi, quelli che ricordano le avventure dell’equipaggio di Star Trek a bordo della nave da crociera spaziale USS Enterprise, avranno colto la similitudine con questo fantascientifico progetto denominato SeaOrbiter, concepito per portare lo studio dell’eco-sistema marino a un livello superiore.

Nato nel 2005, il progetto avrebbe dovuto vedere la luce nel 2008 o al massimo nel 209. Le cose sono andate diversamente ma, adesso, la realizzazione della stazione marina è molto vicina e comunque entro la fine dell’anno.

51 metri di altezza, di cui più della metà sommersi per stabilizzare la costruzione e per provvedere alla raccolta dei materiali da analizzare, la stazione è al 100% sostenibile: l’energia necessaria al suo funzionamento deriverà infatti totalmente dal sole, dal vento e dalle onde. Unica concessione è stata fatta per il bio-carburante nel caso estremo che queste fonti, in un determinato momento, non siano in grado di generare l’energia necessaria.

Al “modico” costo quindi di circa 53 milioni di dollari SeaOrbiter sarà in grado di produrre un impressionante mole dio dati relativi al riscaldamento globale e alla biologia marina.

Condividi: