Home News RAEE, pile e accumulatori: Ecolight recupera quasi tutto

RAEE, pile e accumulatori: Ecolight recupera quasi tutto

pubblicato il: - ultima modifica: 5 Agosto 2020

Il consorzio Ecolight, che raccoglie oltre 1.500 aziende, ha presentato il Bilancio Sociale 2011: 25.000 tonnellate di rifiuti elettronici raccolte, più del 95% inviato a recupero

Una raccolta stupefacente, quasi 25.000 tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) raccolte di cui ben 23.300 tonnellate inviate al processo di recupero.

Grazie all’attività svolta nella gestione dei rifiuti nel corso del 2011, Ecolight ha permesso di avviare a recupero più di 12.000 tonnellate di ferro, 5.000 tonnellate di plastica, 1.000 di alluminio e 800 di vetro.

Inoltre il sistema di raccolta delle pile e degli accumulatori esausti, avviato in forma volontaria, ha permesso al consorzio di gestire 204 tonnellate di rifiuti con un tasso di recupero del 96,5%.

“A distanza di cinque anni dall’entrata in vigore del sistema multi-consortile di gestione dei RAEE, Ecolight ha saputo crescere tenendo fede ai propri impegni” osserva Walter Camarda, presidente di Ecolight “Innanzitutto l’impegno per l’ambiente nel gestire con attenzione risorse importanti. Ecolight ha raggiunto una quota media di recupero dei RAEE superiore al 95 per cento. Secondo: l’impegno nei confronti della collettività garantendo, nella rappresentanza di una pluralità di soggetti, le giuste risposte in un ambito nuovo e in costante evoluzione. Non ultimo, l’impegno nel trasmettere una cultura ambientale”.

La crescita nel 2011 non è stata solamente in termini di volumi di rifiuti gestiti, ma anche di associati: il numero delle aziende consorziate a Ecolight è cresciuto del 25 per cento, arrivando a 1.427 imprese alla fine dell’anno scorso e raccogliendo il 90 per cento delle aziende della grande distribuzione organizzata (GDO).

Condividi: