Home Imprese Sostenibili Coltivami, l’agricoltura eco-sostenibile a Milano

Coltivami, l’agricoltura eco-sostenibile a Milano

città: - pubblicato il: - ultima modifica: 11 Aprile 2020

Gli orti in città come strumento di socializzazione tra i cittadini e come chiave per il recupero delle aree verdi.

Un obiettivo verde ed educativo che il Comune di Milano, attraverso l’iniziativa Coltivami ha deciso di promuovere, anche in vista di Expo 2015.

Il progetto Coltivami è stato approvato dalla Giunta per riportare l’agricoltura eco-sostenibile a Milano attraverso le esperienze degli orti e il coinvolgimento di persone anziane, giovani, famiglie e cittadini di tutti i Paesi.

Sono 9 le aree comunali individuate per il progetto, situate nelle vie Boffalora (Zona 5), Ippodromo, Monte Stella, Falck, Alassio (Zona 8), Rubicone, Cascina de Prati (Zona 9), per un totale 25 mila metri quadri destinati a 309 particelle ortive.

Contemporaneamente, sono state approvate le linee guida per le convenzioni per gli interessati all’assegnazione delle aree: realtà del terzo settore, associazioni di cittadini, enti e aziende pubbliche o private che operano nell’ambito della responsabilità sociale di impresa per realizzare tra i propri dipendenti attività di valorizzazione del tempo libero e della sfera sociale e culturale.

Le convenzioni avranno una durata massima di 9 anni, con la possibilità di un rinnovo per altri 3. I costi di allestimento degli orti saranno a carico degli assegnatari.

“Coltivami si pone l’obiettivo di riportare l’agricoltura in città e di farla conoscere ai tanti che non hanno contatti con il mondo agricolo. È una grande occasione per chi ama gli orti e vuole dare un contributo all’ampliamento degli spazi verdi vivibili” ha dichiarato l’assessore all’Area metropolitana, Decentramento e Municipalità, Servizi Civici Daniela Benelli.

Le particelle assegnate ai singoli ortisti avranno una superficie massima di 60 metri quadri. Sono previsti anche moduli di coltivazione collettiva (minimo 10 ortisti) fino a 700 metri quadri.

Per saperne di più:

Condividi: