Home Eventi Mobilità sostenibile, la parola agli esempi

Mobilità sostenibile, la parola agli esempi

sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Durante il convegno A tuxtu con la mobilità sostenibile, si è parlato di “teoria” ma soprattutto di pratica con esempi concreti, realizzati dalle amministrazioni locali, delle tante strategie di pianificazione per migliorare la mobilità cittadina e contribuire alla diminuzione delle emissioni di CO2.

E molti gli spunti emersi dai progetti analizzati dalla giuria del Klimaenergy Award di cui Green Planner faceva parte.

Il sindaco di BerlingoIn sala, il sindaco di Berlingo, Dario Ciapetti e i suoi collaboratori spiccano per aver lanciato bandi legati alla mobilità (forte il focus sulle due ruote) con grande attenzione al sociale: più che al maggior ribasso del prezzo, il bando evidenziava la collaborazione con mano d’opera legata a categorie protette o in condizioni economiche sociali svantaggiate: segno che le migliorie si fanno tenendo d’occhio diversi parametri, non solo tecnici o tecnologici.

Oltre ad aver puntato molto sulle due ruote, l’amministrazione di Berlingo ha lavorato sul polo scolastico che è alimentato da energia pulita, prodotta con un impianto geotermico e pannelli fotovoltaici.

Inoltre, il piccolo paese di 2.600 abitanti che sta in provincia di Brescia ha provveduto alla riqualificazione ambientale dell’area di una ex discarica, in cui erano stati stoccati anche rifiuti tossici come il piombo, ha permesso il recupero di ben 45.000 mq di superficie.

Il vice-sindaco di BraAnche l’amministrazione di Bra (cittadina in provincia di Cuneo) ha preso la parola perché esempio di efficientamento delle linee di bus e valorizzazione dei prodotti alimentari a km zero inseriti nelle mense scolastiche con una riduzione degli spostamenti e di conseguenza dell’inquinamento.

Nella strategia di mobilità sostenibile di Bra sarà fondamentale – come ha raccontato il vicesindaco Marcello Lusso – anche il coinvolgimento delle associazioni: avverrà attraverso la nuova “Casa delle Associazioni”, dei nuovi spazi a uso di una decina di associazioni che si prenderanno in carico anche il servizio di bike sharing della cittadina.

Infine, a Bra alcune auto dell’amministrazione funzionano a gas metano prelevato direttamente dalle infrastrutture della città grazie alla soluzione fornita dalla Brc di Cuneo: in pratica un compressore preleva il metano dalla rete e lo porta alla pressione necessaria per essere immessa negli autoveicoli comunali.

Assessore LodiMa la sfida a una mobilità sostenibile non si gioca solo sulle auto elettriche: “la partita si gioca soprattutto a livello culturale”, ci ricorda Matteo Zanchi, Assessore alla Mobilità del Comune di Lodi. Proprio il suo Comune ha vinto quest’anno il premio Klimaenergy Award della sezione mobilità per i progetti di promozione della mobilità ciclabile, e in particolare per due iniziative: PedaLo e BiciPlan.

Il primo è un progetto nato con la finalità di rendere più accessibile ai cittadini l’utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto, con la realizzazione di una Bicistazione, un deposito coperto ad accesso sorvegliato, di rastrelliere per 700 posteggi, e di una Ciclofficina in cui è possibile riparare le biciclette.

Inoltre, grazie al piano BiciPlan la rete di piste ciclabili è arrivata a ben 40 km, su 110 km di rete stradale totale del comune; per un nuovo modello di mobilità leggera che ci auguriamo sia duplicato in molti Comuni italiani.

Argomenti correlati:

Condividi: