Home News Fotovoltaico: Anie chiede l’applicazione della detrazione

Fotovoltaico: Anie chiede l’applicazione della detrazione

pubblicato il: - ultima modifica: 5 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Confindustria Anie, la federazione delle imprese elettroniche ed elettrotecniche, chiede ufficialmente in un’istanza di consulenza giuridica presentata all’Agenzia delle Entrate, di applicare la detrazione fiscale IRPEF del 50% anche per gli impianti fotovoltaici, come già avviene per la ristrutturazione di impianti elettrici, idraulici e di riscaldamento.

Manca soprattutto, a parere di Anie, un’interpretazione univoca e chiara della norma in questione e questa incertezza causa problemi perché alcune Agenzie delle Entrate territoriali hanno già espresso parere negativo sull’estensione della detrazione.

“A nostro avviso” ha dichiarato Maria Antonietta Portaluri, direttore generale di Confindustria ANIE “è possibile far rientrare l’installazione dei pannelli fotovoltaici tra le detrazioni già previste per le ristrutturazioni edilizie a seguito dell’approvazione del cosiddetto Decreto sviluppo. Fatta salva la non cumulabilità con le tariffe incentivanti del Conto energia, una interpretazione della norma nel senso da noi indicato può avere un importante effetto di rilancio dei consumi. Si tratterebbe di un provvedimento anticongiunturale, che aprirebbe da un lato nuove possibilità sia per chi intende acquistare un impianto di risparmio energetico, dall’altro nuovo mercato per chi lo realizza”.

“Equiparare l’installazione di un impianto fotovoltaico ad una ristrutturazione edilizia” dichiara Valerio Natalizia presidente ANIE/GIFI “è un passo in avanti verso la reale integrazione e standardizzazione della tecnologia nel sistema edificio. I dubbi interpretativi sull’applicazione della legge devono essere immediatamente chiariti per non creare ulteriori interruzioni allo sviluppo del mercato fotovoltaico, allo scopo di sostenere l’industria nazionale fotovoltaica già colpita fortemente dai numerosi cambi normativi di quest’anno”.

Condividi: