Home Imprese Sostenibili Edilizia sostenibile, un nuovo modo di costruire

Edilizia sostenibile, un nuovo modo di costruire

sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Si è svolto ieri a Bastia di Rovolon, in provincia di Padova, il Forum della sostenibilità, appuntamento che ha permesso ad architetti, ingegneri, giornalisti e aziende del settore delle costruzioni di incontrarsi e scambiarsi opinioni e idee su un nuovo modo, sostenibile, di costruire.

Il messaggio del forum infatti è stato “costruiamo con criterio oggi per vivere meglio domani“.

Questa necessità è confermata dal mercato stesso perché i dati reali indicano che la speculazione edilizia non ha oggi più ragione di esistere mentre sono le esigenze umane e sociali fondamentali che muovono – o dovrebbero farlo – ogni progetto edile.

Costruire in modo sostenibile costa in media 1/2 punti percentuali in più ma ci si dimentica di calcolare a quanto corrisponde il risparmio che ne consegue, a quanto ammonterebbe l’extracosto del non costruire sostenibili per un edificio nel futuro.

Questi e altri interrogativi sono stati discussi durante il forum dall’architetto Roberto Ervas, dal professore di sociologia dell’ambiente e del territorio dell’Università di Trieste, Giorgio Osti e dal professor Matteo Civiero, docente in Business Management and Sustainability Strategy all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Tra i temi trattati ci sono anche stati la progettazione partecipata, che ha le sue basi nel costruire ecologico e nella sostenibilità, e parlato di esempi concreti di quanto stanno compiendo nel territorio del Colli Euganei le amministrazioni locali, rappresentate all’incontro dal sindaco di Bastia di Rovolon, Maria Elena Sinigaglia, dalla presidente della Provincia di Padova, Barbara Degani e dal presidente di Padova Tre, Simone Borile.

Una risposta concreta a quanto discusso nel corso della giornata è il progetto Bastia Sostenibile, un progetto residenziale vicino alle esigenze della comunità e allo sviluppo dell’intera zona coinvolta, presentato dall’associazione Ca’ Filiera.

Un progetto reale che nasce dal bisogno di certificare la costruzione di una casa per la sua funzionalità a partire dalla qualità della vita delle persone che vi abitano; valorizzando quindi l’aspetto ambientale (nella scelta dei materiali e degli impianti di ultima generazione, nel rispetto del territorio circostante), sociale (ponendo al centro il benessere degli individui e del loro relazionarsi con la comunità) e anche economico (garantendo la certezza dei costi e dei tempi di realizzazione).

Per approfondimenti:

Condividi: