Home News Subito una politica per le energie rinnovabili!

Subito una politica per le energie rinnovabili!

Forum Internazionale Sviluppo, Ambiente e Salute

Al Forum Internazionale Sviluppo, Ambiente e Salute di Arezzo, imprenditori green e politici sono intervenuti sul tema delle energie rinnovabili, sulle occasioni di innovazione e di sviluppo sostenibile.

In particolare sul tema delle rinnovabili gli imprenditori presenti ai lavori, aperti da Averaldo Farri, consigliere delegato di Power-One, azienda toscana produttrice di inverter fotovoltaici, hanno discusso di innovazione come strumento per massimizzare le prestazioni e la qualità nel settore.

Il Forum Internazionale Sviluppo, Ambiente e Salute rientra nella settima edizione del Risk Management in Sanità, rassegna di appuntamenti internazionali, meeting, workshop e Expo sulle tecnologie applicate alla sicurezza del cittadino.

Un evento voluto da Gutemberg, impresa che opera nella sicurezza nell’ambito della sanità, e promosso dai ministeri della Salute e dell’Ambiente, dall’Istituto Superiore di Sanità, dalla Regione Toscana, dalla Fondazione Sicurezza in Sanità e con il contributo di Agenas.

Al convegno era presente anche il ministro dell’Ambiente Corrado Clini, il quale ha espresso il suo supporto alle imprese green soffermandosi sui problemi dell’Ilva di Taranto.

Noi di Power abbiamo accettato la sfida, siamo rimasti in Italia nonostante tutti gli indicatori economici e di mercato ci indicassero di andare all’estero a produrre. Abbiamo investito nell’alta tecnologia e siamo riusciti ad assumere centinaia di giovani. Adesso manca solo la risposta della politica. È il momento di ridefinire con urgenza una politica industriale“.

Basta fare la guerra in casa fra le varie fonti energetiche” ha sottolineato FarriÈ stupido non utilizzare i nostri prodotti e le nostre tecnologie ed è sbagliato non fare leva sulle nostre università per la ricerca. Si, a una formidabile sinergia fra industria, scuola, banche, governo e regioni. Questo deve essere il nostro futuro“.

Condividi: