Home Imprese Sostenibili Bergamo punta sulla mobilità elettrica, con il progetto New Mob

Bergamo punta sulla mobilità elettrica, con il progetto New Mob

città: Bergamo - pubblicato il: - ultima modifica: 10 Dicembre 2012

Meno energia e più ambiente, è questo il semplice slogan del progetto New Mob che mira a rendere la mobilità elettrica un dato di fatto a Bergamo, facilitando gli spostamenti a impatto zero dei cittadini e avvicinando la città orobica agli obiettivi che ogni smart city dovrebbe ottenere.

Obiettivo di New Mob è ovviamente quello favorire un maggior risparmio energetico attraverso un’intensificazione dell’uso di veicoli a basso consumo e ad alta efficienza, come quelli elettrici da parte dei cittadini bergamaschi, delle aziende e della pubblica amministrazione.

Che, calando le intenzioni nella pratica quotidiana significa ottenere ripercussioni positive sul bilancio energetico con interventi sulla mobilità sostenibile, specialmente con il retrofit delle biciclette, attivare cambiamenti nel comportamento dei cittadini, stimolando la loro consapevolezza nel valore economico e sociale di una mobilità a basso impatto energetico e, infine ma non meno importante, trasferire sul territorio le competenze tecniche necessarie all’utilizzo e alla realizzazione del retrofit sulle bici elettriche.

La filosofia del retrofit è quella di convertire veicoli tradizionali in veicoli elettrici grazie alla trasformazione del motore (nel caso di un auto) o all’aggiunta di un kit su un ciclo (nel caso di una bicicletta). In questo modo un veicolo datato viene convertito in uno elettrico di ultima generazione, prolungandone la vita utile e abbattendo i costi di conversione alla mobilità elettrica.

Il progetto, che sarà presentato e inaugurato nel corso dell’evento Il futuro viene dal passato durante il Festival dell’Ambiente di Bergamo che si svolgerà a maggio del 2013, è nato da un’iniziativa di Venti Sostenibili ed è promosso dal comune di Bergamo in collaborazione con eV-Now e realizzato con il contributo della Fondazione Cariplo.

Il cuore del progetto è naturalmente informare i cittadini bergamaschi sui vantaggi offerti dai veicoli elettrici, obiettivo che verrà raggiunto attraverso l’organizzazione di incontri, di attività formative e attraverso la conversione elettrica delle bici comunali, utilizzate dal personale del comune, assessori compresi.

“Migliorare la qualità dell’aria riducendo le emissioni dei mezzi inquinanti e trasformare Bergamo in una smart city” sono questi gli obiettivi principali da raggiungere, spiegano il vicesindaco e assessore alla Mobilità Gianfranco Ceci e l’assessore all’Ambiente ed Energia Massimo Bandera.

“Un’iniziativa importante per la città che testimonia la nostra attenzione per la mobilità elettrica” commenta Massimo Bandera “Un’azione importante anche per ridurre il problema dell’aria inquinata in città oltre a creare una cultura tra i cittadini nei confronti dei mezzi elettrici. Per i viaggi di breve e media lunghezza, oggi la bici è sicuramente il mezzo più veloce. Inoltre di fronte a un aumento del costo del carburante e alla limitazione dei mezzi in città è un’ottima soluzione”.

“È un ulteriore tassello perché Bergamo diventi una smart city” commenta Gianfranco Ceci “Uno dei pilastri del Put è la mobilità elettrica. La prossima settimana verrà posizionata la prima colonnina elettrica per la ricarica del car sharing, oltre a essere presentato il progetto di riordino delle piste ciclabili in città”.

Ma come si elettrifica una normale bicicletta? Per farlo è necessario utilizzare un kit per la pedalata assistita, che include una batteria al litio, collegato alla ruota posteriore. Unico difetto il prezzo non proprio basso, perché elettrificare una bicicletta può costare dai 400 ai 1.500 euro, in base al tipo di kit.

“Grazie alla filosofia del retrofit un veicolo datato viene convertito in uno elettrico di ultima generazione, prolungandone la vita” spiega Daniele Invernizzi, presidente di eV-Now Foundation “Il sistema è nato in Finlandia dove è stato testato anche sulle auto, sarà interessante vedere come funziona a Bergamo, una città con parecchie salite. Montare un kit retrofit inoltre è un’operazione davvero semplice per i meccanici, che impiegano circa 4 ore”.

Condividi: