Home Eventi Premio Innovazione Amica dell’Ambiente, i vincitori

Premio Innovazione Amica dell’Ambiente, i vincitori

città: Milano - pubblicato il:

premio-innovazione-ambienteSono state ben 165 le innovazioni presentate alla XII edizione del premio promosso da Legambiente con la collaborazione di Confindustria, Regione Lombardia, Politecnico di Milano, Università Bocconi e realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariplo e Camera di Commercio di Milano.

Tra queste una su tre è arrivata da un’azienda operante al Nord mentre la maggior parte delle innovazioni presentate si è concentrata sul tema mobilità, energie e clean technology.

Temi del Premio Innovazione Amica dell’Ambiente 2012 di quest’anno erano “territorio, imprese e cittadini”, che evidentemente hanno stimolato la partecipazione, numericamente e qualitativamente migliore della scorsa edizione, riscontrando una grande partecipazione delle imprese lombarde, seguite dalle piemontesi e poi dalle venete e emiliano romagnole. Buona anche la partecipazione dalla Toscana seguita dal Lazio, Puglia e Abruzzo. Piccola ma significativa la partecipazione di Sardegna e Molise.

Hanno vinto dunque l’edizione 2012 Bikedistrict con la mappa online del ciclista urbano, Bosch con la linea Verde&Green School, Car2Go con il sistema mondiale di car-sharing a flusso libero, Carlsberg Italia con DraughtMaster Modular 20, Grow the Planet con la start up digitale per l’autoproduzione agricola e la cultura ambientale, Laboratorio di architettura Brennone 21, Lelli& associati architettura e Magazè srl per la loro proposta di abitare collettivo e Manifattura Maiano Spa con RecycleTherm Km0.

“Le realtà premiate oggi” ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza “dimostrano la vitalità di una parte del Paese che ha accettato la sfida della Green Economy e che puntando su innovazione e ricerca riesce a competere creando occupazione qualificata. L’impresa responsabile e sostenibile che coniuga tecnologia e ambiente è l’impresa del futuro perché puntando sul rispetto del territorio, sulla qualità e sulla valorizzazione delle nostre risorse migliori porta a uno sviluppo equilibrato e duraturo. Per sostenere e promuovere questo tipo di sviluppo dovremmo però investire molto di più in innovazione e ricerca. Settori in cui l’Italia risulta essere tra le ultime in classifica destinandogli solo l’1,27% del Pil, meno della Spagna (1,38%) e della Repubblica Ceca (1,53%), e lontanissima dai paesi capofila come la Finlandia che destina al futuro ben il 3, 96% del Pil”.

“Le politiche ambientali” ha dichiarato il presidente di Assolombarda Alberto Meomartini “sono uno stimolo per l’innovazione e l’aumento della competitività. Da tempo Assolombarda evidenzia la strategicità di puntare su ricerca e innovazione come leve per uscire dalla crisi e creare nuovo sviluppo, recuperando anche il ritardo accumulato in questi anni. Oltre a diffondere nelle imprese la consapevolezza del valore degli investimenti in conoscenza e innovazione, siamo impegnati con iniziative di formazione, di comunicazione sull’ambiente rivolte alle imprese associate, ai lavoratori, ai giovani e alla comunità”.

L’edizione 2012 del premio ha registrato 57 innovazioni nell’area mobilità, energie, clean technology, 50 nell’area uso efficiente delle risorse e gestione rifiuti, 40 nell’area edilizia, riqualificazione e rigenerazione urbana e 18 innovazioni su 165 nell’area agricoltura, alimentazione, tessile e patrimonio, turismo.

Tutte le schede delle innovazioni che hanno partecipato alla selezione sono visibili e consultabili sul sito web del premio, dove è anche possibile leggere le schede tecniche degli oltre 1.600 progetti candidati nelle passate 11 edizioni.

Condividi: