Home News dalla Rete Certificazione energetica: la metà dei nuovi immobili non è in regola

Certificazione energetica: la metà dei nuovi immobili non è in regola

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020

certificazione-energeticaIndagine shock titolerebbero i quotidiani se la notizia fosse ritenuta importante (beninteso solo per fare audience e non per il reale impatto sulla vita dei cittadini): il 53% dei nuovi immobili in vendita non rispetta la regolamentazione imposta dalla certificazione energetica.

Ad affermarlo è un’analisi di Immobiliare.it a un anno dall’entrata in vigore della norma che prevede l’obbligo della certificazione energetica degli edifici in vendita o in affitto: ebbene il risultato dice che solo il 53% degli annunci di vendita e appena il 37% di quelli in affitto è in regola.

L’attestato di classificazione energetica (ACE) è uno strumento di trasparenza molto importante per il consumatore perché offre la possibilità di conoscere, prima ancora di acquistare l’immobile, quanto incideranno i consumi energetici nella gestione dell’immobile.

“Quello che emerge dalla nostra indagine” spiega Carlo Giordano, amministratore delegato di Immobiliare.it “è che per evitare i costi della perizia, sovente si ricorre a un’autocertificazione in classe G, pratica peraltro non legalmente valida né consentita, con l’intento di classificare realmente l’immobile solo all’atto del rogito; questo è espressione di una forte resistenza da parte dei proprietari che, scoraggiati dai lunghi tempi di vendita, sono disposti a spendere solo dopo aver trovato l’acquirente”.

Sugli oltre 60.000 annunciprivati presi in considerazione dall’analisi, soltanto l’11% ha una certificazione valida. La percentuale sale al 46% per gli annunci gestiti da agenzie immobiliari indipendenti, al 58% per quelli gestiti da intermediari affiliati a grandi gruppi (dotati di sistemi di certificazione dalle sedi centrali) e addirittura al 97% per quelli proposti direttamente dai costruttori per i quali, però, la certificazione energetica è un obbligo fin dalla fase progettuale.

Per approfondimenti potete consultare il sito di Immobiliare.it

Condividi: