Home Imprese Sostenibili Gli eventi sportivi della Riviera di Rimini si tingono di verde

Gli eventi sportivi della Riviera di Rimini si tingono di verde

sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Sostenibilità, rispetto dell’ambiente, risparmio energetico e impatto zero: sono queste le parole d’ordine che sempre più appariranno nell’annuncio di iniziative ed eventi, soprattutto in ambito pubblico.

Proprio per questo, a Rimini, alla presenza di diversi organizzatori di eventi, di Camera di Commercio e Provincia di Rimini, dell’associazione Figli del Mondo, di vari enti locali ed Hera Rimini è stato presentato il protocollo Green Events della Riviera di Rimini, iniziativa che vuole trasformare gli eventi che si svolgono nel territorio riminese in eventi ecosostenibili a impatto zero.

Il protocollo e il relativo regolamento con le linee guida e le misure da realizzare per poter connotare il proprio evento come evento green, sono il risultato del percorso intrapreso quasi tre anni fa da alcuni organizzatori di eventi sportivi stanziali e itineranti della provincia di Rimini con il supporto dell’associazione Figli del Mondo.

// //

Il coinvolgimento di Hera Rimini e degli enti locali ha portato a un confronto attivo sulle modalità per progettare e organizzare un evento in chiave ecologica, tenendo conto degli impatti socio-ambientali.

Si è così arrivati alla predisposizione e sottoscrizione del protocollo che definisce gli impegni dei soggetti firmatari e che decreta di fatto l’avvio della fase operativa. Sarà proprio il Paganello 2013, che aprirà i battenti tra qualche giorno, il primo dei green event, grazie all’adozione di un modello organizzativo che prevede azioni volte a ridurre la propria impronta ecologica, come la riduzione della produzione di rifiuti, l’uso più consapevole dell’acqua, l’impiego di energia da fonti rinnovabili.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di PercoRSI, un progetto promosso da Camera di Commercio di Rimini, Provincia di Rimini e Figli del Mondo finalizzato a diffondere la cultura della responsabilità sociale d’impresa e della sostenibilità sul territorio.

Condividi: