Home Eventi Citytech 2013, la mobilità nuova del terzo millennio

Citytech 2013, la mobilità nuova del terzo millennio

pubblicato il:

Citytech, evento che si svolgerà a Milano, presso la Fabbrica del Vapore, il 21 e 22 di ottobre, è un incubatore d’idee sulla mobilità nuova per reinterpretare lo spazio, la qualità della vita, il rapporto della città con i suoi abitanti.

La nuova mobilità, oggi, deve ripensare i sistemi di trasporto, gli spazi e la connettività che, progettati per il XX secolo, devono essere funzionali e al servizio delle strutture produttive e sociali del XXI secolo.

Questa nuova strategia per rimodellare la mobilità italiana del terzo millennio può essere definita soltanto con un’azione di concerto tra tutti gli attori interessati: aziende, pubbliche amministrazioni e le diverse espressioni della società civile.

Citytech 2013 si propone di raccogliere l’esperienza di tutti gli eventi organizzati da Clickutility on Earth sul tema della mobilità sostenibile proponendo nel corso dell’evento momenti di discussione, workshop e spazi espositivi e di test-drive.

L’evento sarà aperto da una sessione plenaria dedicata al concetto di Mobilità Nuova. La struttura riprenderà il concetto greco di agorà, come luogo d’incontro e di scambio culturale, dove tutti gli attori coinvolti, rappresentanti delle istituzioni, degli operatori economici o espressione della società civile, avranno la possibilità di confrontarsi e interagire per trovare soluzioni a problemi comuni.

I Workshop durante i quali si confronteranno politici, industriali, aziende del settore e associazioni di categoria saranno invece incentrati su temi quali la normativa, le reti di trasporto, la governance, la cultura e l’educazione, efficienza ed efficacia, sicurezza, sostenibilità ambientale, accessibilità.

I workshop avranno come obiettivo la stesura di un documento d’indirizzo che presenti soluzioni pensate per il breve, medio e lungo periodo in modo da recuperare diseconomie e inefficienze, ridestinare tempo e spazio alle persone, sviluppare filiere industriali e loro impatti indiretti.

Condividi: