Home News Mossi & Ghisolfi vince il premio Oscar Masi 2012 per l’innovazione

Mossi & Ghisolfi vince il premio Oscar Masi 2012 per l’innovazione

città: Roma - pubblicato il:

Il Gruppo Mossi & Ghisolfi, multinazionale italiana del settore chimico all’avanguardia nello sviluppo di tecnologie sostenibili, ha ricevuto a Roma il Premio Oscar Masi 2012, riconoscimento riservato ad aziende che si siano distinte per l’innovazione tecnologica industriale per la crescita sostenibile e responsabile.

Il Premio, giunto alla sua 29a edizione e dedicato al professor Oscar Masi, uno dei fondatori dell’AIRI (Associazione Italiana per la Ricerca Industriale), è stato attribuito al Gruppo Mossi & Ghisolfi per PROESA, una tecnologia di seconda generazione in grado di produrre bioetanolo utilizzando un’ampia gamma di vegetali non alimentari, come la comune canna dei fossi, paglia di riso o gli scarti di produzione agricola, e di ottenere così un carburante che non impatta sulla catena agronomica alimentare.

Inoltre i vegetali utilizzati hanno una capacità di sequestro di CO2 prossima al 90%, rispetto al 20-30% di quelli impiegati dalle vecchie tecnologie. La tecnologia PROESA è stata sviluppata da Chemtex, società di ingegneria del Gruppo Mossi & Ghisolfi.

“Siamo molto lieti di ricevere questo premio, che riconosce il nostro impegno e ribadisce l’importanza di investire in innovazione e ricerca nel settore industriale” ha dichiarato Guido Ghisolfi, vice presidente del Gruppo Mossi & Ghisolfi “Il nostro Gruppo è oggi all’avanguardia mondiale nello sviluppo di tecnologie della chimica sostenibile. Con PROESA, una tecnologia totalmente made in Italy, abbiamo dato il via a una vera e propria rivoluzione verde, aprendo la strada alla nuova generazione di combustibili da fonti rinnovabili, più sostenibili e a minor impatto ambientale”.

I vincitori del Premio (ex aequo Gruppo Mossi & Ghisolfi e Selex ES, Gruppo Finmeccanica) sono stati scelti da una giuria composta da rappresentanti del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, del Ministero dello Sviluppo Economico e da esperti del settore.

Condividi: