Home L'editoriale Detrazioni: proroghe, come saldi di fine stagione

Detrazioni: proroghe, come saldi di fine stagione

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Ottobre 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Incertezza, questo strano sentimento che ci avvinghia da anni non fa bene né al corpo, né alla mente, ne al business.

Eppure siamo di fronte all’ennesima sicurezza incerta: ovvero la proroga del 55% per tutti gli interventi di miglioramento energetico e probabilmente del 50% sulle ristrutturazioni edilizie che il Governo Letta, per voce del ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi e del titolare dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato ha deciso di mantenere attive fino alla fine… dell’anno.

Poi? Poi si rivedrà. Come sempre. Sembrano i saldi di fine stagione: blocchi o incentivi per il mercato?

L’urgenza, al momento, pare essere quella di limitare le richieste agganciandole a quei soggetti che non godano già di altri benefici fiscali. Perché qui c’è chi è troppo avanti e chi è molto indietro (leggi non ha soldi per nessun tipo di riqualificazione).

Eppure, qui o si riqualifica o si soccombe per inquinamento, terremoti, alluvioni, trombe d’aria… Oppure anche solo per spese per il riscaldamento; per inquinamento luminoso, per costi dell’energia insostenibile.

Non abbiamo bisogno di saldi, ma di legge certe e durature. Per il bene del nostro animo e del nostro business.

Condividi: