Home Imprese Sostenibili Lotta alla cementificazione: il WWF lancia Riutilizziamo l’Italia

Lotta alla cementificazione: il WWF lancia Riutilizziamo l’Italia

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Ottobre 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Nel giorno di apertura a Roma del convegno Riutilizziamo l’Italia, mentre in tutto il Paese si mobilita la categoria degli edili contro la crisi del settore, il WWF lancia la sua proposta: ovvero operare sull’esistente, recuperare l’energia grigia, eliminare o riqualificare i manufatti e le aree degradate.

Inoltre l’associazione ambientalista chiede al Governo un segnale stabilizzando il bonus che prevede la riduzione fiscale al 55% per le ristrutturazioni che applicano una maggiore efficienza energetica nella case, uno dei pochi strumenti che in questi anni di crisi ha trainato l’edilizia.

Invece di continuare a costruire, inondando di cemento il nostro territorio – come risulta nel rapporto pubblicato online dal WWF – avrebbe più senso avviare un grande cantiere di recupero, riuso e riqualificazione urbana delle aree e degli edifici abbandonati o sottoutilizzati nei nostri centri urbani e nelle periferie post-industriali, del Nord come del Sud.

Lanciare un piano di manutenzione del territorio e di adattamento ai cambiamenti climatici, per il quale è stato calcolato che sarebbero necessari 1,6 miliardi di euro l’anno per 20 anni, in Italia è possibile ma è un obiettivo sfidante. Per questo il WWF invita tutti i cittadini sa partecipare, firmando l’appello No al consumo, sì al riuso dell’Italia.

“È giunta l’ora nel nostro Paese di dare ancora più rilievo all’impegno da tempo sviluppato per arginare l’ulteriore frammentazione e distruzione della continuità ecologica del territorio minacciata dalla dispersione urbana e da scelte infrastrutturali e produttive spesso dissennate e, quindi, porre un freno al consumo di suolo, risorsa anch’essa non rinnovabile” afferma Dante Caserta, presidente del WWF Italia.

“Attraverso Riutilizziamo l’Italia il WWF vuole contribuire a un grande progetto di carattere culturale, economico, sociale e ambientale per il risanamento delle nostre città e del nostro territorio, a cui partecipino attivamente con proprie idee e progetti di riuso sociale e ambientale i cittadini” aggiunge Adriano Paolella, direttore generale del WWF Italia.

Condividi: