Home News UMPI vince lo Smart Award all’evento SG Paris 2013

UMPI vince lo Smart Award all’evento SG Paris 2013

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Ottobre 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Nella seconda edizione degli Smart Awards, riconscimenti assegnati durante la manifestazione SG Paris 2013 organizzata in partnership con CGI Business Consulting e con il sostegno del quotidiano La Tribune, UMPI, azienda riminese specializzata nella realizzazione di sistemi intelligenti per la telegestione dell’illuminazione pubblica e degli smart grid, ha vinto il riconoscimento per la soluzione di città intelligente e più innovativa.

Il premio è stato assegnato da una giuria di otto membri esperti sia istituzionali che accademici, provenienti da Ademe, CDC, CEE, CGI Business Consulting, FNCCR, La Tribune, Université Paris Descartes, Supelec.

In presenza di Delphine Batho, Ministro francese dell’Ecologia, Sviluppo Sostenibile ed Energia, l’Export Manager di Umpi, Elisa Ruggeri, ha ritirato il prestigioso riconoscimento.

“In questo periodo di crisi” commenta Elisa Ruggeri “UMPI avuto la lungimiranza di progettare e sviluppare un’offerta che permette di valorizzare grazie alle PLC (Power Line Communication) le reti elettriche esistenti, permettendo di creare una rete a banda larga estesa, in modo da garantire il corretto utilizzo dell’energia e lo sviluppo di nuovi servizi della città intelligente. Oltre 500.000 dispositivi Umpi che rendono i lampioni intelligenti sono già stati venduti in tutto il mondo e, anche in Francia, dove UMPI intende partecipare allo sviluppo di edifici e città intelligenti, mettendo la propria tecnologia a diposizione di utenti pubblici e privati”.

L’offerta UMPI, Minos System, rende la città smart e promuove la messa in opera di oltre 35 diversi servizi per renderla più intelligente, basandosi sulle infrastrutture esistenti della rete elettrica di illuminazione stradale pubblica per trasformarla nella rete di trasporto ad alta velocità PLC (powerline).

Si tratta del modo migliore per dare servizio al territorio urbano, dove è presente mediamente un lampione ogni 15/30 metri, punti luce che possono sfruttare appieno la capillarità sul territorio e quindi fungere da ottimo nodo intelligente in città.

Condividi: