Home News Nasce ReFIT, prima rete di impresa del Green Economy Network

Nasce ReFIT, prima rete di impresa del Green Economy Network

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Ottobre 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

ReFIT, ovvero Renewable Energy and Phytoremediation, è la prima rete di impresa nata nell’ambito del Green Economy Network, progetto promosso da Assolombarda per stimolare nuove alleanze tra le imprese milanesi che offrono prodotti, tecnologie e servizi per la sostenibilità ambientale ed energetica e per dare visibilità alle loro competenze.

La rete ReFIT, sviluppata con il supporto di Assolombarda, aggrega cinque imprese del settore (Tia, Land, Tiemme, Passavant Impianti, Hpc Italia) che hanno deciso di condividere un progetto comune legato al recupero dei siti inquinati mediante tecniche di fitobonifica e utilizzo di fonti rinnovabili.

Frutto di un’intensa collaborazione tra le imprese, il contratto di rete nasce con l’obiettivo di mettere a fattor comune il know-how delle singole aziende per sostenere e rafforzare le opportunità di business condividendo risorse produttive, tecnologiche, finanziarie e relazionali.

// //

L’integrazione delle imprese appartenenti alla rete consentirà di realizzare un’offerta completa non solo per la realizzazione di progetti finalizzati alla riqualificazione e valorizzazione paesaggistica e ambientale dei siti inquinati, mediante l’applicazione di metodologie di fitobonifica per il recupero e il riadattamento di matrici inquinate, ma anche per le attività di sviluppo tecnologico, promozione e internazionalizzazione delle imprese stesse.

“La complessità della competizione globale richiede standard qualitativi e quantitativi sempre più elevati. Le aggregazioni rappresentano una delle soluzioni per il rilancio della competitività dell’intero sistema industriale ed economico” dichiara il Presidente del Green Economy Network, Roberto Testore “L’esperienza del Green Economy Network è l’esempio di una strategia di sistema che valorizza competenze e potenzialità delle imprese, individuate attraverso un repertorio articolato in specifiche filiere tematiche”.

Condividi: