Home Tecnologie Risparmio e meno impatti ambientali: la top 10 degli elettrodomestici

Risparmio e meno impatti ambientali: la top 10 degli elettrodomestici

pubblicato il: - ultima modifica: 8 Ottobre 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Tutti gli elettrodomestici ci semplificano la vita ma solo alcuni ci fanno anche risparmiare energia e denaro. Per aiutare i consumatori a orientarsi tra le migliaia di articoli presenti sul mercato e tra vecchie e nuove etichette energetiche e scegliere i prodotti più efficienti, il WWF dà le istruzioni per l’uso attraverso il sito web Top Ten.

Consultata nel mondo da 3 milioni e mezzo di persone, la guida assume ancora più rilevanza in un Paese come l’Italia in cui si continua a pagare la bolletta energetica il 18% in più dell’Europa.

Ci tieni al futuro? Riprenditi l’energia! recita lo slogan della campagna globale WWF e riprendersi l’energia vuol dire prima di tutto saper scegliere i prodotti che sono più efficienti.

Top Ten è una guida online gratuita per l’acquisto efficiente promossa dal WWF sui migliori apparecchi elettrici esistenti in commercio rivolta ai cittadini e realizzato grazie al programma Intelligent Energy for Europe della Commissione Europea.

// //

Gli utenti possono individuare i 10 migliori elettrodomestici in ben 11 categorie e 50 sottocategorie di prodotto: dai frigoriferi alle stampanti per ufficio, dalle lampadine alle lavastoviglie che a parità di qualità e prestazioni consumano meno energia, hanno un minore impatto sull’ambiente e pesano meno sulle nostre bollette.

Naturalmente acquistare un elettrodomestico efficiente è un buon punto di partenza, ma non è sufficiente se non si fa attenzione ai piccoli gesti quotidiani. Per non cadere nella trappola della coscienza energetica pulita, fare attenzione solo all’etichetta non basta.

Da alcuni studi, infatti, emerge che chi possiede un elettrodomestico di classe A+++, tenderà a utilizzarlo di più in quanto la sua coscienza ecologica si sente a posto e tende anche ad accumulare elettrodomestici efficienti spesso superflui.

Migliorare i propri comportamenti nell’uso quotidiano consentirebbe di riguadagnare dal 10 al 30% di consumo energetico.

Dall’estate 2009 ad oggi, nel settore dell’illuminazione, la tecnologia LED sta prendendo il sopravvento e Top Ten elenca 31 modelli di lampadine e 21 modelli di faretti LED, con lampadine della durata media di circa 27.000 ore. Il consumo elettrico medio dei televisori selezionati da Top Ten si è più che dimezzato (passando da 94.87 W a 41,87 W), quello dei monitor è diminuito di un quarto (da 20.75 W a 13,4).

Il risparmio di energia e CO2 comporta vantaggi anche in bolletta: un frigo piccolo in classe A+++ consuma 132 kWh/anno, uno in classe A 365, con un risparmio in bolletta di 630 euro in 15 anni. Un congelatore medio-grande in classe A++ consuma 181 kWh/anno, uno in classe A 440, con risparmio in bolletta di 700 euro in 15 anni. Mentre una lavatrice da 5 Kg in classe A+++ consuma 128 kWh/anno e 7990 l/anno d’acqua, una in classe A 250 kWh/anno e 12760 l/anno, con risparmio di 269 euro in 15 anni.

Top Ten è una guida online continuamente aggiornata che permette di combattere sia gli sprechi in bolletta che i cambiamenti climatici riducendo le emissioni casalinghe di gas serra derivanti dal consumo di prodotti energivori.

In questa guida vengono indicate, per ciascuna categoria di prodotto, le funzioni principali, il costo, la marca, ma soprattutto la classe di efficienza energetica, i consumi di energia, quanto ci costeranno in bolletta nell’intero ciclo di vita del prodotto, e altri parametri ambientali come il consumo di acqua o la rumorosità.

Si decidono proprio in questi giorni gli eco bonus per lavatrici, frigoriferi, lavastoviglie in classe A+ o migliore e anche in questo caso Top Ten si rivela utilissimo: in attesa della conferma della nuova regolamentazione, il sito elenca gli elettrodomestici che rispondono alle caratteristiche previste dal decreto.

Scegliendo uno degli apparecchi consigliati si potrà alleggerire oltre che la bolletta, anche la dichiarazione dei redditi.

“Certo, vorremmo che i criteri adottati dalla direttiva europea Ecodesign e le classi più efficienti diventassero la nuova normalità” ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia “e il sospetto che dietro la definizione di eco spesso si nascondano regalie a pioggia o sostegni a settori in crisi è forte. Leggeremo attentamente il decreto così come uscirà dai lavori parlamentari, comunque invitiamo i consumatori a diventare parte attiva, escludendo comunque dagli acquisti le patacche inefficienti che pagano poi, e salato, in consumi elettrici, bonus o non bonus”.

Condividi: