Home Imprese Sostenibili Smart City, a Casalmoro si combatte la crisi guadagnando dal Green

Smart City, a Casalmoro si combatte la crisi guadagnando dal Green

pubblicato il: - ultima modifica: 13 Aprile 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

casalmoro-mantovaAlle base delle smart city del futuro ci sono i Comuni intelligenti di oggi: amministrazioni pubbliche attente all’adozione di tecnologie efficienti che si autoripagano gli interventi.

Succede sempre più spesso. Come? Green Planner Magazine ha iniziato un viaggio per scoprire cosa fanno le amministrazioni pubbliche per superare gli ostacoli spesso collegati al Patto di stabilità.

In questa prima puntata i riflettori sono puntati su Casalmoro, piccolo paese mantovano che ha appena ricevuto anche il Klimaenergy Award per la categoria Comuni con meno di 20.000 abitanti.

Casalmoro rappresenta la prima puntata del viaggio nei Comuni che hanno vinto il Klimaenergy Award 2013, la cui consegna avverrà giovedì 19 settembre con la cerimonia di apertura in occasione della Kermesse di Bolzano. Il primo cittadino è Franco Perini, in carica dal 2009 per la Lista Civica.

// //

Quando tutto va bene, è l’incipit del Sindaco, spesso non si pensa al risparmio, non ci si preoccupa del domani. Un domani che si è però attualizzato con tutto il suo carico di crisi economica e alterazioni climatico-ambientali. Fin dall’insediamento alla gestione del nostro piccolo paese, abbiamo cercato il modo per ottenere il massimo dalle scarse risorse a disposizione.

E così Casalmoro a poco a poco si sta trasformando in un vero e proprio parco verde: merito delle azioni sul Plis (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) che con finanziamenti della Provincia di Mantova e di Fondazione Cariplo si è trasformato in un corridoio ecologico dai significativi valori ambientali con zona di sosta e di accoglienza, punti di relax nonché di osservazione e fruizione della ricchezza floro-faunistica.

Inoltre, sono in atto interventi di rimboschimento del polmone verde che ora è collegato al Paese con una pista ciclabile. Infatti, grazie a un piano di riqualificazione della viabilità interna sono stati creati circa 3 km di pista ciclopedonale all’interno del piccolo centro e di collegamento con il Parco del Chiese.

Casalmoro è un Paesino della bassa che ha saputo autofinanziarsi anche con il controvalore economico derivato da tutti gli interventi di risparmio e razionalizzazione. Tra le attività degne di nota le azioni dedicate al risparmio energetico attraverso razionalizzazione e diminuzione dei consumi; la riqualificazioni impiantistica; la produzione di energia pulita; oltre alle azioni di educazione e di sensibilizzazione svolte in modo da conferire al Comune una spiccata impronta di eco-sostenibilità.

Tra i prossimi passi la realizzazione di un impianto digestore a biomasse da 1 MegaWatt situato in posizione contigua rispetto al campo fotovoltaico comunale.

“Con un pizzico di sana ambizione e di ponderata follia” racconta Perini “siamo partiti con il progetto del fotovoltaico da 1MW e con caparbietà lo abbiamo realizzato. Questo importante impianto di energia rinnovabile ci ha permesso di gestire in relativa sicurezza il periodo di crisi, consentendoci ulteriori investimenti nell’ambito delle energie rinnovabili e del risparmio energetico”.

Anche la cittadinanza ne ha ottenuto vantaggi palpabili, grazie al bando sull’installazione di piccoli impianti fotovoltaici privati, la creazione di percorsi ciclo-pedonali, di nuovo verde pubblico e di molti altri interventi, il tutto mantenendo al minimo la tassazione locale.

“Ogni viaggio comincia con un solo passo” termina il Primo Cittadino di Casalmoro “se aspettassimo sempre da altri l’aiuto per uscire dalla crisi, probabilmente questo benedetto primo passo non lo faremmo mai. Noi ci abbiamo creduto, siamo partiti e i risultati sono estremamente positivi”.

Condividi: