Home News Green Circuit: corsi di guida eco per i professionisti del trasporto

Green Circuit: corsi di guida eco per i professionisti del trasporto

pubblicato il: - ultima modifica: 8 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

guida-ecologica-modenaSono in arrivo nuove date all’Autodromo di Modena per la Drive Style Academy, la prima scuola permanente di formazione per imparare a guidare in modo ecologico, economico e sicuro.

Dedicata agli autisti professionisti dei settori TPL, Waste e trasporto merci su strada, si svolgerà con cadenza mensile con due appuntamenti a settembre (16-17 e 23-24), uno dal 21 al 22 ottobre, a seguire l’11 e 12 novembre e, in conclusione d’anno, il 9 e 10 dicembre.

I promotori dell’iniziativa sono ASSTRA, ANAV, Drive2Go e l’Autodromo di Modena, dove non a caso si svolgono i corsi: la struttura modenese si colloca infatti in Italia come esempio di realtà sensibile all’ambiente, poiché ha stretto a fine 2011 un accordo volontario con il Ministero dell’Ambiente per la promozione di progetti comuni finalizzati all’analisi, riduzione e neutralizzazione dell’impatto sul clima derivante dalle procedure di gestione dell’Autodromo.

// //

Il Green Circuit accoglierà il corso con parti in aula e parti pratiche, supportate dall’utilizzo del sistema tecnologico DST (Driving Style Tools) in versione Training, sviluppato da Drive2go in collaborazione con il Dipartimento di Elettronica del Politecnico di Milano, in grado di rilevare le modalità di guida del conducente, di mostrarne pregi e difetti e indurre quindi una guida più virtuosa.

“Questa è una delle molte iniziative a carattere green che ospitiamo” spiega Angelo Borghi, amministratore delegato di Vintage spa, società concessionaria dell’autodromo “quali le eco-maratone per veicoli a zero emissioni o gli eventi sportivi per discipline non motoristiche come per esempio l’hand-bike. Con queste proposte e l’accordo stretto con il Ministero dell’Ambiente intendiamo rafforzare la nostra politica ambientale riguardo alla problematica del cambiamento climatico, aderendo a iniziative che si pongano in linea con le politiche governative nell’ambito del Protocollo di Kyoto e del Pacchetto Clima-Energia dell’Unione Europea”.

In questi corsi, una volta terminate le sessioni di guida, gli allievi tornano in aula per verificare al computer il loro stile di guida, gli errori e apprendere i metodi con cui migliorare e rendere la guida più virtuosa dal punto di vista dell’ecologia, dell’economicità e della sicurezza.

I moduli del corso si suddividono in ECO, con approfondimenti dedicati alle tecniche di guida per ottimizzare l’utilizzo dell’energia e ridurre consumi ed emissioni, e SAFETY, per migliorare qualità di guida e capacità di reazione all’imprevisto.

Condividi: