Home News Bob Quinn ha vinto il premio Pioniere del biologico 2013

Bob Quinn ha vinto il premio Pioniere del biologico 2013

città: Stati Uniti - pubblicato il:

bob-quinn.kamutBob Quinn, fondatore e presidente di Kamut International ha vinto il premio Pioniere del biologico 2013, conferito dal Rodale Institute. È il terzo anno consecutivo che il Rodale Institute individua i leader del movimento biologico negli Stati Uniti, assegnando loro il prestigioso titolo.

Per coloro che sono già a conoscenza dell’esperienza di Bob Quinn, questo riconoscimento non costituisce una sorpresa. Da sempre Quinn ha fatto della promozione dell’agricoltura biologica e sostenibile la sua missione, a partire dal supporto alla fondazione della prima fattoria con mulino a vento in Montana, all’introduzione dell’antico grano khorasan Kamut attraverso marchio registrato nell’industria dei prodotti biologici negli anni ’80.

Con un dottorato in Biochimica, la ricerca e la formazione costituiscono la passione di Bob Quinn, che dedica a questo ambito la maggior parte del suo tempo e delle sue energie non impiegati a contatto con la terra. Attraverso anni di sperimentazioni, e analisi, in collaborazione con i migliori ricercatori, si è preposto l’obiettivo di aiutare a scoprire i benefici del cibo biologico, oltre allo studio dei contenuti nutrizionali dei grani antichi.

“È un vero piacere essere fra i vincitori del premio Pioniere del biologico indetto dal Rodale Institute” ha commentato Bob Quinn “è veramente gratificante essere premiato da un Istituto che ha contribuito in modo decisivo alla promozione dell’agricoltura biologica; sono pronto quindi a continuare a lavorare con loro per portare avanti la ricerca e la formazione in questo ambito”.

“Siamo molto orgogliosi del riconoscimento ottenuto dal nostro Presidente e crediamo sia importante anche per un Paese come l’Italia dove la cultura del biologico da anni ha trovato la sua massima diffusione e che rappresenta il mercato più creativo anche per il marchio Kamut” ha commentato Rebecca Rossi, Regional Director Italy&Spain di Kamut Enterprises of Europe.

Bob Quinn è uno dei tre premiati che verranno investiti del riconoscimento di Pioniere del biologico per il 2013, gli altri premiati sono: la Chef Alice Waters, autrice e ristoratrice e David Pimental, Professore emerito di Ecologia e Biologia dell’evoluzione presso la Cornell University.

“Sono orgoglioso di essere premiato insieme a due illustri leader del settore, i quali sono sicuramente due pionieri del biologico” ha aggiunto Quinn “è proprio la continua dedizione di coloro come il Dr. Pimental e la Chef Waters, e chiaramente del Rodale Institute, che ci permetterà di raggiungere ulteriori grandi progressi nel movimento biologico”.

Il Rodale Institute è stato alla guida della ricerca biologica e della sua realizzazione e sperimentazione negli ultimi 60 anni. Primo tra i suoi diversi obiettivi è proprio quello di assicurare e incrementare la formazione degli agricoltori, dei ricercatori e dei consumatori sull’agricoltura biologica.

La mission di Kamut International e Kamut Enterprises of Europe è quella di promuovere l’agricoltura biologica e sostenere gli agricoltori biologici per incrementare la diversità nelle colture e nelle diete e per proteggere l’eredità di un antico e squisito grano di alta qualità a beneficio di questa e delle future generazioni. KAMUT è un marchio registrato di Kamut International e Kamut Enterprises of Europe che garantisce elevati standard di qualità che sono verificati da test in ogni campo.

Il Rodale Institute è una organizzazione no profit che si dedica all’agricoltura biologica attraverso la ricerca e il sostegno al settore ad ampio spettro. Da più di 60 anni l’Istituto è impegnato nella ricerca dei miglior risultati nell’ambito di agricoltura biologica e della condivisione delle nuove scoperte con gli agricoltori e gli scienziati impegnati in tutto il mondo, difendendo le cause che supportano gli agricoltori ed educando i consumatori a considerare il prodotto biologico come la scelta più sana per la popolazione e per il pianeta.

Condividi: