Home Eventi Mobilità Dolce, scenari europei e sviluppi futuri in Italia

Mobilità Dolce, scenari europei e sviluppi futuri in Italia

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020

mobilita-dolceSarà presente anche la FIAB al 1° Congresso Nazionale di CoMoDo, la Confederazione della Mobilità Dolce che si terrà sul tema Mobilità Dolce, Scenari europei e sviluppi futuri in Italia.

L’iniziativa si terrà nei giorni 3 e 4 ottobre a Rimini, al Museo della Città (Sala del Cenacolo, via L.Tonini, 1), con il Patrocinio della Provincia di Rimini.

Umberto Rovaldi, Consigliere nazionale FIAB e responsabile dei settori ferrovie dismesse, loro recuperi, paesaggio della mobilità dolce interverrà sul tema Bici e Paesaggio: mobilità dolce per paesaggi pungenti.

// //

Con questo nuovo appuntamento la Confederazione della Mobilità Dolce, nata nel 2004 per volere dell’allora presidente FIAB, Gigi Riccardi, che fino alla sua prematura scomparsa ha coperto il ruolo di vice presidente, intende attirare l’attenzione sul concetto di strade per la gente, destinate a una mobilità più ragionata, dove l’auto sarà bandita a favore di una pluralità di utenti (pedoni, bambini, anziani, persone a mobilità ridotta, ciclisti).

Una nuova rete che si realizza senza rubare altro spazio ai campi o ai boschi, una rete dolce separata dalla rete stradale ordinaria, recuperando le infrastrutture dismesse e favorendo la stretta integrazione con il sistema del trasporto pubblico (treni locali e ferrovie turistiche) e della ricettività diffusa.

Al 1° Congresso intervengono, tra gli altri Stefano Vitali, Presidente della Provincia di Rimini, Alberto Rossini, Dirigente alla Mobilità della Provincia di Rimini, Luigi Famiglietti, Deputato della XVII Legislatura, Tiziano Arlotti, Deputato VIII Commiss. (Ambiente, territorio e lavori pubblici) XVII Legislatura, Marco Arzilli, Segretario di Stato della Repubblica di San Marino, Anna Donati, Delegata del Comune di Napoli ai progetti di mobilità sostenibile, Grazia Torelli, Delegata della Provincia di Siena ai progetti di mobilità dolce per il turismo.

Condividi: