Home Imprese Sostenibili Car sharing a Milano, arriva il terzo operatore

Car sharing a Milano, arriva il terzo operatore

pubblicato il: - ultima modifica: 13 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

car-sharing-milanoMilano, la città del business e della moda, caratterizzata dalla frenesia con la quale i suoi abitanti si muovono non poteva che ampliare la sua offerta di spostamenti, meglio se sostenibili ed ecologici.

Si arricchisce infatti l’offerta di car sharing che, dopo il recente successo di Car2Go che ha registrato oltre 40mila utenti in poco più di un mese, GuidaMi by Atm primo servizio a proporsi ai milanesi, vede proporsi il servizio di una nuova società, il cui nome però è ancora segreto.

Non si conosce ancora nemmeno la data di inizio del servizio, ma le prime indiscrezioni parlano di una compagine societaria formata da Fiat, Eni e Trenitalia; nei giorni scorsi il Comune di Milano ha accettato la domanda della nuova società per la partecipazione all’avviso pubblico emesso per offrire un servizio di car sharing.

// //

Il nuovo operatore porterà in città una flotta di 650 vetture FIAT: saranno tutte 500 di colore rosso. Per quanto riguarda il servizio i criteri di utilizzo non si discosteranno troppo dai concorrenti: prenotazione breve, parcheggio nelle strisce blu e gialle, nessun obbligo di riconsegna.

Anche la tariffazione sarà al minuto con un prezzo probabilmente leggermente inferiore a quello di Car2Go e che si aggirerà tra gli 0,25 e gli 0,28 centesimi al minuto.

“Grazie alle nuove regole messe in campo dal Comune, a Milano è in atto una rivoluzione della mobilità. Dopo il boom del bike sharing, con oltre il 50% in più di abbonati in un anno, e il successo del car sharing, con i 40mila utenti di Car2Go che si aggiungono ai 5mila di GuidaMi, a Milano sarà sempre più ampia l’offerta di mezzi in condivisione per tutti i cittadini” ha affermato l’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran.

Milano, in effetti, una volta conosciuta per trafico e smog, punta decisamente a proporsi con un modello di mobilità mista più sostenibile che offrirà ben 1.260 vetture totali, più moderne e meno inquinanti.

Condividi: