Home News L’energia pulita è sempre più made in Italy

L’energia pulita è sempre più made in Italy

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020

energia-pulita-made-italyIn Italia sono oltre 102mila le imprese dei settori coinvolti nella filiera delle rinnovabili, mentre le aziende che investono in risparmio energetico ed energia pulita sono oltre 350mila. Questi i dati contenuti nel rapporto sull’imprenditoria italiana presentato da Confartigianato.

Investire nella green economy e nelle energie rinnovabili è quindi l’unico modo per alleviare la nostra forte dipendenza energetica, che si attesta all’83,8% contro il 52,7% della media UE27: una bolletta energetica ancora troppo elevata rispetto ai bassi toni dell’economia, che si fissa al 3,7% del PIL e un alto fabbisogno di energia soddisfatto da importazioni.

Veramente italiana è solo l’energia rinnovabile, dato che il 92,2% dell’energia pulita consumata viene prodotta in Italia. Fortunatamente la quota di energia da rinnovabili sta aumentando. Dal 2011 al 2012, mentre la produzione da fossili è scesa del 4,7%, quella da rinnovabili è cresciuta dell’11,2%, arrivando al 29% del totale.

// //

L’irrobustimento dell’offerta di servizi nell’ambito della filiera delle fonti di energia rinnovabili di energia – si legge nel documento – determina anche una ricaduta positiva sull’efficienza energetica. Nel 2011 la maggiore efficienza nel settore manifatturiero, energie ed estrattivo ha portato a un risparmio energetico annuale di 10.142 GWh, che equivale al 7,2% dei consumi di energia elettrica del settore industriale.

Nell’arco di un decennio (2001-2011) l’intensità energetica del settore manifatturiero, cioè il rapporto tra ricchezza prodotta ed energia consumata, è scesa del 14,6%.

Condividi: