Home Expo 2015 Cucina a impatto zero, le videoricette per evitare lo spreco di cibo

Cucina a impatto zero, le videoricette per evitare lo spreco di cibo

pubblicato il: - ultima modifica: 5 Agosto 2020

cucina-impatto-zeroNelle feste appena passate una costante ha attraversato le cucine degli italiani e si è conservata dalla crisi: l’abbondanza e la creatività della cucina italiana; occorre però conoscere anche la cucina a impatto zero, per non sprecare inutilmente il cibo.

Whirlpool, azienda che opera nel mercato della produzione e della commercializzazione di grandi elettromestici e che da tempo si batte per ridurre lo spreco di cibo, per valorizzare gli avanzi dei pranzi e dei cenoni festivi, ha pubblicato online i primi video per piatti cucinati con i cosiddetti scarti.

Tre piatti da uno: non è la moltiplicazione evangelica del cibo, ma la possibilità concreta di sfruttare gli scarti della preparazione di una ricetta per dar vita ad altri cibi minimizzando gli sprechi.

// //

A spiegare come valorizzare al massimo gli avanzi della preparazione di un piatto di pesce (nasello con patate e broccoli) sono tre video realizzati dalla società Addiction per Whirlpool EMEA, prime puntate della serie Cucina a impatto zero.

Nelle tre ricette si valorizzano rispettivamente le bucce delle patate per ricavarne un saporito stuzzichino da aperitivo, i gambi dei broccoli come base per un gustoso piatto di paccheri e gli scarti del pesce per una elegante zuppa alla provenzale.

“La sostenibilità alimentare è una sfida globale, che è affrontata a tutti i livelli, dalle istituzioni internazionali ai singoli governi, ai grandi gruppi industriali, alla ricerca e all’università, ma ognuno di noi, nella pratica quotidiana in cucina, può e deve fare la sua parte” afferma Pierre Ley, Media relations manager Whirlpool EMEA e protagonista dei video “Su questo ultimo aspetto si concentrano i video, che, oltre a presentare ricette di semplice realizzazione, vogliono offrire uno spunto di riflessione: tutto quello che buttiamo dalle nostre tavole è veramente uno scarto o può essere utilmente reimpiegato?”.

Non è casuale che le riprese dei video siano avvenute nella Leaf (Life Energy And Future) house ad Angeli di Rosora, in provincia di Ancona, dove Enrico Loccioni, imprenditore hi-tech visionario, ha creato una vera e propria comunità che produce in autonomia e da fonti rinnovabili tutta l’energia che utilizza, quindi a impatto zero.

“Se qualche consiglio sul riutilizzo del cibo può essere utile per le festività imminenti e per sensibilizzare sul problema dello spreco” continua Ley “il nostro impegno come multinazionale leader degli elettrodomestici, quindi parte della filiera del cibo per quanto concerne le fasi di cottura e conservazione, guarda alla sostenibilità alimentare in un orizzonte più ampio, che è quello scelto da Expo 2015 e che rappresenta una delle sfide globali più pressanti degli anni a venire”.

In effetti la serie di ricette è stata realizzata nell’ambito delle riprese del documentario Zero Impact, presentato a Milano e che illustra come Whirlpool sia in prima linea in questa sfida, con i propri laboratori di ricerca e sviluppo e con prodotti già pensati per un corretto utilizzo delle risorse alimentari.

Soltanto in Italia (dati contenuti nel rapporto 2013 sullo spreco domestico realizzato da Knowledge for EXPO) lo spreco vale 8,7 miliardi di euro, poco più di 7 euro per famiglia ogni settimana. Questi sprechi valgono il 3% del consumo energetico nazionale.

Qui di seguito potete vedere una delle prime tre ricette pubblicate, la preparazione della zuppa di pesce con gli scarti del pesce…

Condividi: