Home Risparmio energetico Gas per il riscaldamento, con il mercato libero le tariffe sono meno...

Gas per il riscaldamento, con il mercato libero le tariffe sono meno care

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020

mercato-libero-energiaIn questo momento scegliere un operatore del mercato libero permette di poter risparmiare sulla fornitura del gas fino al 14% sul costo annuale della bolletta.

La stagione invernale è sempre affrontata con un certo timore dalle famiglie italiane, almeno per quanto riguarda i consumi di energia e i relativi importi in bolletta.

I termosifoni sempre in piena attività e l’uso più intensivo dell’illuminazione, dovuti alle temperature più rigide e alla drastica riduzione delle ore giornaliere in cui si può sfruttare la luce naturale, comportano un conseguente aumento dei costi che i consumatori cercano sapientemente di fronteggiare con la ricerca delle tariffe gas più convenienti e delle offerte luce che contemplano fasce differenziate in base agli orari di utilizzo.

In questo frangente, comparare diversi operatori può rivelarsi una scelta davvero utile poiché ciascuno può permettersi un margine di variazione che può adattarsi più o meno adeguatamente alle esigenze del consumatore.

Il costo della fornitura e delle materie prime del gas e dell’energia elettrica, infatti, vengono stabilite ogni tre mesi dall’Autorità di riferimento, che è l’AEEG, Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas appunto, che ne regola le variazioni. I vari operatori devono attenersi ai prezzi stabiliti dall’AEEG, ma possono farlo in modi diversi: chi opera nel mercato libero, infatti, ha la possibilità di proporre ai propri clienti una tariffa fissa o una variabile indicizzata AEEG.

Nel secondo caso i clienti avrebbero uno sconto sulla bolletta. Gli operatori che sono sotto il servizio di Maggior Tutela, invece, seguono obbligatoriamente le indicizzazioni trimestrali dell’AEEG e le tariffe che propongono ai loro clienti variano di conseguenza. Quindi scegliere uno o l’altro tipo di erogazione può fare la differenza: a confermarlo ulteriormente è uno studio dell’Osservatorio SuperMoney che ha confrontato tutte le tariffe in merito alla fornitura del gas e le ha analizzate seguendo le variazioni stabilite dall’Autorità.

Secondo i dati, pare che scegliendo una tariffa per il gas offerta da un operatore del mercato libero si arrivi a risparmiare fino al 14% sulle spese annuali del gas, un risparmio non indifferente se si pensa a quanto sia difficile per le famiglie italiane affrontare tutte le spese mensili in un periodo di instabilità occupazionale come questo. A ogni modo, la ricerca ha analizzato i dati di consumo su base regionale, perché per ogni regione il costo della fornitura cambia, incrociandoli con i dati di consumo di tre fasce di utenti: la prima relativa al consumo medio di una coppia senza figli (pari a 1.150 metri cubi di gas), la seconda relativa a una coppia con figli (1.400 metri cubi) e la terza riferita al consumo di un pensionato che vive da solo (700 metri cubi).

Le regioni dove si riesce a risparmiare di più sono la Basilicata, la Campania e il Lazio: nella prima si arriva a risparmiare fino al 14,43% annui, nella seconda fino al 13,22% e nella terza fino al 12,57%. Nello specifico, se si confrontano le tariffe degli operatori del mercato libero con quelle indicizzate AEEG del servizio di Maggior Tutela, si evince come sia sostanziale la differenza: in Basilicata il mercato libero offre una bolletta media di 794,36 euro, mentre il servizio di maggior tutela ne offre una media di 927,33 euro.

In Campania i primi ne offrono una a 879,06 euro, mentre i secondi una a 1.012,03 euro; nel Lazio, invece, le tariffe si aggirano dai 932,76 euro dei primi contro i 1.065,93 dei secondi. La tariffa più economica in tutte e tre le regioni è la stessa ed è E-Light di Enel Energia, mentre nel resto delle regioni è Gas Natural Vendita a essere più competitiva con la tariffa Sconta Gas Tre. Nonostante la differenza tra le due tipologie di erogazione sia solo del 4%, questo è comunque un dato importante per i consumatori che sanno di poter scegliere ottenendo un risparmio; come ha affermato Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di SuperMoney.

“Lo studio dimostra che tutti, dal pensionato alla famiglia, possono risparmiare sulla bolletta del gas scegliendo con attenzione la tariffa più conveniente. Anche se in alcune regioni la riduzione dei costi è sicuramente più contenuta, il confronto delle offerte del mercato libero con il servizio di maggior tutela non lascia dubbi sulla maggiore convenienza dei primi sui secondi” conclude Manfredi.

Condividi: