Home Curiosità Light is Time, creazione Citizen al Salone Internazionale del Mobile

Light is Time, creazione Citizen al Salone Internazionale del Mobile

pubblicato il:

Citizen, la nota casa di orologi giapponese debutta per la prima volta alla Design Week di Milano con uno spazio spettacolare fatto di luce e di tempo. All’interno della Triennale di Milano Citizen presenta Light is Time, un’installazione artistica composta da 80.000 dischi metallici che fluttuano sospesi nel vuoto creando un luogo magico e straordinario.

I dischi utilizzati sono le masse oscillanti, gli elementi strutturali che fanno muovere il meccanismo automatico interno dell’orologio. Un’orchestrazione spaziale unica che origina un’area permeata dalla luce e che, grazie al suono e alla luce generati, trasmette una nuova percezione della luce e del tempo.

Il visitatore avrà la possibilità di immergersi nel vero spirito di Citizen e vivere l’esperienza unica del suo valore: creare, istante dopo istante, un nuovo futuro grazie alla relazione tra luce e tempo.

Dal primo orologio da tasca all’ultimo modello esposto, l’intera installazione risponde a una semplice domanda: da che cosa è composto un orologio? Il progetto è stato sviluppato da Tsuyoshi Tane, noto architetto con studio a Parigi, in collaborazione con il Design Team interno di Citizen.

Tra le novità, insieme all’ultimo modello della casa giapponese, sarà esposto in esclusiva un orologio da tasca del 1920, rarissimo esemplare che farà rivivere l’atmosfera delle origini della casa di orologi giapponese.

Visitando l’installazione e i modelli esposti, il pubblico potrà comprendere meglio lo spirito multiculturale e l’allure del design così tipico di Citizen, che da sempre si distingue per la massima attenzione all’artigianalità e all’eccellenza. Dal 1930, anno della sua fondazione, l’azienda ha sempre puntato a espandere i confini dell’orologeria in modo da rendere accessibili a tutti orologi di qualità superiore.

Una straordinaria innovazione tecnologica, introdotta nel 1976, ha permesso di sviluppare un sistema rivoluzionario chiamato Eco-Drive, che utilizza l’energia generata da pressoché qualsiasi fonte di luce per alimentare la carica degli orologi. Eco-Drive ha eliminato il bisogno di sostituire le pile, permettendo a tutti gli appassionati di indossare gli orologi Citizen.

Trasformare la Luce nel Tempo per esplorare insieme il futuro. Questa è l’idea racchiusa nel cuore di Eco-Drive. Un nuovo concetto per esprimere la relazione Tempo x Luce x Futuro.

“Abbiamo preso ispirazione dall’arte dell’orologeria di Citizen e alla fine siamo giunti alla più semplice delle idee: La luce è il tempo. La luce nasce nell’istante del Big Bang, all’origine dell’universo. Da dietro l’orizzonte, il Sole inonda la terra di luce facendo muovere le ombre, generando le stagioni e le fasi lunari. Nel momento in cui l’umanità ha percepito tutto ciò, ha involontariamente creato la nozione del tempo. Light is time. Costruire orologi che trasformano la luce in tempo: questa è la sfida che abbiamo raccolto da Citizen, la cui filosofia è creare orologi per tutti i cittadini del mondo” dichiara Tsuyoshi Tane di DGT.

Condividi: