Home Eventi Cloros certifica le emissioni di CO2 per l’evento TEDxVerona

Cloros certifica le emissioni di CO2 per l’evento TEDxVerona

pubblicato il:

Sarà il primo TEDx italiano certificato a emissioni zero quello che si svolgerà a Verona il prossimo 23 febbraio. A misurare, ridurre e compensare le emissioni di CO2 prodotte ci penserà Cloros, azienda veronese partner del progetto TEDxVerona, l’evento rivolto alle menti fuori dagli schemi riunite intorno a un tavolo per presentare esperienze e progetti sviluppati in modo originale e vincente.

Specializzata nei servizi alle aziende dedicati alla sostenibilità ambientale e all’efficienza energetica, Cloros avrà dunque il compito di misurare la quantità di emissioni di CO2 generate durante l’organizzazione dell’evento, cercando di ridurle al minimo e compensando la parte restante immessa in ambiente attraverso l’annullamento dei crediti di carbonio generati da progetti che prestano particolare attenzione ad aspetti etico-sociali.

E proprio l’attività di compensazione, in modo particolare, distingue Cloros nel panorama italiano.

Infatti, una volta effettuato il calcolo delle emissioni, le quantità che non possono essere ridotte vengono compensate attraverso interventi, realizzati in partnership con importanti onlus, certificati secondo standard internazionali riconosciuti (come per esempio il Gold Standard) che garantiscano benefici concreti e misurabili non solo a livello ambientale, ma soprattutto socio-economico nei confronti delle realtà dove vengono attuati.

“TEDx è un evento fortemente innovativo” dichiara Riccardo Caliari, Amministratore Delegato di Cloros “rivolto a un pubblico giovane, creativo e pronto a mettersi in gioco partendo da idee e progetti lontani da logiche standardizzate. Ma soprattutto è rivolto a un pubblico sensibile alle tematiche più attuali tra cui quella della sostenibilità. In questo senso troviamo molte affinità con la nostra azienda, dove siamo impegnati a fornire alle imprese un percorso di sostenibilità che non riguarda soltanto l’aspetto energetico, ma anche quello ambientale, sociale ed economico”.

Condividi: