Home Tecnologie Mobilità sostenibile: il progetto BUMP parte da 29 enti locali

Mobilità sostenibile: il progetto BUMP parte da 29 enti locali

pubblicato il:
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Le 76 domande pervenute in AREA Science Park per partecipare al progetto BUMP, Boosting Urban Mobility Plans, sono una chiara dimostrazione di quanta attenzione ci sia attorno al tema della mobilità sostenibile da parte delle amministrazione locali.

Tra queste sono 29 quelle selezionate per prender parte al percorso formativo che supporta le amministrazioni nello sviluppo di PUMS, Piani Urbani di Mobilità Sostenibile. Sono comuni e aggregazione di comuni che coinvolgono circa 3,5 milioni di abitanti, appartenenti a 8 diverse regioni (Marche, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Abruzzo, Emilia Romagna, Piemonte).

Nello specifico si tratta dei comuni di Padova, Ravenna, Novara, Alessandria, Cremona, Parma, Pavia, Pesaro, Brescia, Prato, Ferrara, Arezzo, Livorno, Pordenone, Vasto (CH) e delle aggregazione Monfalcone, Ronchi dei Legionari, Staranzano (GO), Federazione Camposampierese (PD).

BUMP, coordinato da AREA Science Park, offre un pacchetto integrato a dirigenti e responsabili tecnici che si occupano di pianificazione e gestione della mobilità in ambito urbano e periurbano. Il pacchetto integrato offerto dal progetto prevede un corso formativo in aula della durata di 80 ore focalizzato sulla condivisione del know how e la diffusione delle buone prassi.

In particolare gli argomenti trattati saranno: la pianificazione della mobilità come visione strategica nell’organizzazione urbanistica; le metodologie di valutazione e monitoraggio come strumenti di supporto alle attività decisionali; i processi valutativi per la personalizzazione e l’adeguamento delle misure e azioni di mobilità sostenibile da implementare nei contesti urbani; la partecipazione come veicolo per il coinvolgimento e la responsabilizzazione dei portatori di interesse privati e pubblici, come reperire fondi e trovare nuove modalità di finanziamento.

Conclusasi la fase di formazione in aula i partecipanti saranno coinvolti in 4 eventi in programma a Trieste, Sofia, Dortmund e Budapest strutturati in due giorni: il primo è dedicato alla condivisione e al confronto con la modalità dei world cafè, il secondo è un convegno internazionale che coinvolge anche istituzioni presenti sui diversi territori ospitanti.

L’ultima fase del progetto prevede l’accompagnamento delle amministrazioni nella redazione dei propri PUMS, i Piani Urbani della Mobilità Sostenibile, attraverso l’assistenza professionale multisettoriale di un team di esperti selezionati tra i più validi professionisti della pianificazione integrata a livello nazionale e internazionale.

Condividi: