Home Expo 2015 Appello Coldiretti: Milano non sprechi acqua buttandola nell’Olona

Appello Coldiretti: Milano non sprechi acqua buttandola nell’Olona

città: Milano - pubblicato il:

Expo, senza anello azzurro la cintura verde di Milano rischia di restare a secco. Se le acque che serviranno per l’area di Rho Pero verranno mandate nell’Olona allora vorrà dire che avremo perso un patrimonio idrico di quasi 3 metri cubi al secondo che servirebbe invece a irrigare le aree verdi agricole nella fascia sud della cintura che avvolge la città metropolitana, spiega Alessandro Ubiali, Presidente della Coldiretti di Milano Lodi e Monza Brianza.

“L’acqua che uscirà dall’area Expo deve essere portata al Naviglio Grande e alla Darsena in modo da essere usata per i campi” aggiunge Ubiali “Dirottarla nei canali tombinati sotto la città di Milano la farebbe diventare parte delle fogne con uno spreco incredibile di una risorsa che, insieme al cibo, è al centro del tema Expo ed è anche al centro delle preoccupazioni degli agricoltori ogni estate”.

Anche perché l’ultimo mezzo secolo di espansione urbanistica di Milano ha stravolto il reticolo irriguo attorno alla città e in particolare la fascia a sud: in pratica la città, con palazzi e reti fognarie ha intercettato un sistema dei canali antico mille anni, togliendo portata alla falda, asciugando i fontanili e riducendo la quantità di acqua da scorrimento dai terreni agricoli sepolti dal cemento.

Su un’area di oltre 33 milioni di metri quadrati fra Locate Triulzi, Carpiano e San Giuliano Milanese, lungo il percorso della Roggia Vettabia, il deficit idrico ha quindi superato i 5mila litri al secondo, a cui si aggiungono altri 3mila litri al secondo che servirebbero ai territori bagnati dai Navigli.

“Per questo” spiega Ubiali “non ci possiamo permettere di sprecare neppure una goccia dell’acqua che verrà usata per l’Expo”.

Condividi: