Home News Il progetto di ristrutturazione di Casa Giordani vince il premio APRIE

Il progetto di ristrutturazione di Casa Giordani vince il premio APRIE

pubblicato il:

Anche negli interventi di recupero edilizio si possono ottenere ottime prestazioni in termini di contenimento dei consumi: lo dimostra il progetto di ristrutturazione di Casa Giordani a Villazzano di Trento, risultato vincitore della quinta edizione del premio APRIE, concorso indetto dall’Agenzia provinciale per le risorse idriche e l’energia diretto a promuovere la conoscenza e la divulgazione delle buone pratiche progettuali e costruttive degli edifici realizzati in provincia di Trento.

Il progetto, redatto dall’architetto Paolo Bertotti e, per la parte impiantistica, dal p.i. Lorenzo Piazzera, ha riguardato un intervento di recupero di due corpi di fabbrica di matrice rurale, l’uno con destinazione abitativa e l’altro adibito a fienile, ricavandone un edificio a basso consumo energetico, suddiviso in cinque unità abitative.

Le soluzioni adottate hanno consentito di raggiungere una classe energetica A (40 kWh/mq), ovvero, per un intervento di recupero, un’ottima prestazione in termini di contenimento dei consumi.

Nel realizzare l’intervento, non è stata posta attenzione solo ed esclusivamente all’aspetto energetico ma, in generale, a tutti gli aspetti che incidono sull’impatto ambientale del’’edificio.

Il progetto ha infatti aderito al protocollo per l’edilizia sostenibile del Comune di Trento e ha individuato delle soluzioni volte a garantire, tra l’altro, il contenimento dei consumi idrici, la riduzione dell’inquinamento interno, l’’tilizzo prevalente di materiali costruttivi di origine rinnovabile.

Il progetto si presenta inoltre molto curato anche per quanto riguarda le scelte tipologiche-compositive e la cura dei dettagli costruttivi. L’intervento, in particolare, si è caratterizzato per un’impostazione diretta a connettere nuovo e preesistente, individuando una serie di soluzioni che, oltre ad avere una specifica funzione sul bilancio energetico dell’edificio, recuperano elementi figurativi e funzionali tipici dell’architettura e della tradizione locale.

Alla realizzazione dell’iniziativa, giunta ormai alla sua quinta edizione, hanno collaborato, assieme all’Agenzia Provinciale per le risorse idriche e l’energia, gli Ordini e i Collegi professionali, l’Associazione Artigiani e Piccole Imprese, la sezione trentina dell’Associazione Nazionale Costruttori, il Distretto Tecnologico Trentino per l’Energia e l’Ambiente Habitech, l’Università degli Studi di Trento e un esperto in materia di paesaggio e architettura locale.

“Nelle valutazioni dei progetti partecipanti” ha spiegato Giacomo Carlino, dirigente dell’Aprie “è stato tenuto conto, in particolare, delle prestazioni energetico ambientali degli edifici, della coerenza delle scelte architettoniche con le tipologie costruttive locali, delle innovazioni tecnologiche adottate, del livello di integrazione raggiunto dalle imprese costruttrici e, non da ultimo, della chiarezza e della modalità di rappresentazione degli elaborati prodotti, ai fini della successiva divulgazione a scopo didattico e formativo”.

I progetti presentati in questa tornata del Premio, e i cui elaborati erano esposti nello stand dell’Aprie, hanno evidenziato un esteso ricorso all’impiego di strutture in legno, in particolare nel settore delle ristrutturazioni e ampliamenti, confermando le potenzialità energetiche, ambientali e tecnologiche di questo duttile materiale simbolo del Trentino.

Condividi: