Home Expo 2015 Expo 2015, ottimismo per l’adesione di Paesi e per gli affari

Expo 2015, ottimismo per l’adesione di Paesi e per gli affari

città: Milano - pubblicato il:
expoincittà expo 2015 milano

Tra chi esprime chiaramente una posizione nei confronti di Expo 2015 in rete, in Italia continuano a prevalere i commenti positivi (66,8% a febbraio), un dato in crescita rispetto a gennaio (+6,1%). 7 punti percentuali in meno del picco di aprile 2013, quando gli ottimisti erano tre italiani su quattro (73,4%).

Tra le ragioni che spiegano la manifestazione di un sentiment positivo verso Expo 2015, poco più della metà dei post in Italia sottolinea il tema delle partnership internazionali, in questo riflettendo la crescita di adesioni a Expo in questi ultimi mesi.

Si sottolinea anche il tema dell’ecosostenibilità e di come Expo 2015 possa essere una occasione per fare affari e per la crescita dell’occupazione. In calo invece il riferimento alle infrastrutture come elemento positivo di Expo 2015 e quello degli eventi collaterali.

I commenti negativi riguardano principalmente tra i post in Italia il tema dei ritardi (39,3%) in forte crescita rispetto a gennaio, così come il rischio della cementificazione. Emerge dall’analisi mensile della Camera di commercio di Milano condotta attraverso Voices from the Blogs, spin off dell’Università degli Studi di Milano, su 41.380 commenti in Rete pubblicati in italiano che parlano di Expo 2015, di cui 4.950 a Milano.

“È importante, per il successo di Expo” ha dichiarato Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano “mantenere il clima di collaborazione tra istituzioni che si è faticosamente costruito nel tempo. Siamo certi che anche il governo del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, come confermano i suoi quattro ministri presenti a Milano, sosterrà concretamente l’Esposizione Universale. Anche perché è l’unico progetto di ampio respiro che abbiamo all’orizzonte non solo milanese ma italiano. Expo cammina sulle spalle delle imprese. Molte sono già impegnate nei cantieri del sito espositivo e altre nei progetti legati al 2015. Anche il fuori Expo sarà una sfida da vincere di grande rilevanza e dovrà coinvolgere tutto il mondo delle imprese a beneficio dell’economia del territorio”.

Condividi: