Home News Pacchetto clima ed energia per il 2030: delusione del WWF dopo summit

Pacchetto clima ed energia per il 2030: delusione del WWF dopo summit

pubblicato il:

Delusione del WWF per l’esito dell’incontro tra Capi di Stato dei Paesi UE, riuniti per discutere del Pacchetto Clima ed Energia per il 2030. Come era, infatti, prevedibile, il Consiglio Europeo ha giocato al ribasso accogliendo il Libro Bianco della Commissione Europea semplicemente come una buona base di lavoro, rinviando così le vere decisioni fino ad almeno ottobre.

Per il WWF questo risultato è un insulto oltre che un’assurdità: il testo della Commissione era già stato fortemente annacquato proprio per facilitare l’approvazione da parte del Consiglio, approvazione che continua a essere rimandata.

Continuando a rinviare l’assunzione di decisioni chiare, si indebolirà il ruolo stesso dell’Unione Europea nello scenario internazionale, creando anche una dinamica negativa nel dibattito internazionale sul cambiamento climatico, incluso il Summit sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite di settembre.

Tony Long, direttore dell’Ufficio di Policy Europeo del WWF, commenta “Evitando di assumere posizioni chiari, i leader europei si sono assicurati un posto di serie C nei negoziati sul clima. Così ignorano completamente la pressione dei cittadini e le loro richieste a favore di azioni più incisive sul clima. Tutto ciò rallenta fortemente la transizione dell’Europa verso una rivoluzione industriale ed economica in grado di sostenere le popolazioni e il pianeta”.

Ancora una volta i nostri leader trascinano il livello di discussione su clima ed energia al gradino più basso dell’agenda politica. Sembra non siano capaci di affrontare nello stesso meeting argomenti più urgenti insieme a quelli a lungo termine. Questo approccio rischia di farci passare ben presto da una fase in cui lo faremo più tardi a una in cui scopriremo di essere già troppo in ritardo.

“È un bene che il comunicato finale del Consiglio ribadisca lo stretto legame tra sicurezza energetica e il mix fonti rinnovabili e efficienza, ma preoccupa il fatto che questo non abbia indotto ad accelerare la decisione sul Pacchetto 2030 e a renderla più ambiziosa. Accogliamo quindi con speranza le dichiarazioni fatte oggi dal Presidente Renzi rispetto alla leadership che deve avere l’Europa su clima ed energia” ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile Clima e Energia del WWF Italia “e ci auguriamo che questa posizione venga da lui assunta pienamente anche in qualità di Presidente di turno dell’Unione Europea nella seconda metà dell’anno. Speriamo che in questa veste sia in grado di dare un impulso forte alla rivoluzione energetica di cui abbiamo bisogno, senza farsi invischiare in lacci e lacciuoli del passato”.

Condividi: