Home News General Fusti, impianto applicato al trattamento rifiuti conto terzi

General Fusti, impianto applicato al trattamento rifiuti conto terzi

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
smaltimento rifiuti general fusti

smaltimento rifiuti general fustiGeneral Fusti è un’azienda familiare con 14 dipendenti, sede a Torino e circa 4,5 milioni di fatturato annuo, che opera da circa 35 anni nel settore dello smaltimento rifiuti liquidi industriali; si tratta di una delle realtà che ha scelto di adottare la tecnologia di Austep, avvalorata da esperienza e competenza applicata al trattamento delle acque e alla purificazione dei fumi.

La filosofia di innovazione ha sempre ispirato le scelte aziendali di General Fusti. L’installazione pregressa di un impianto chimico fisico e biologico progettato da Austep e le esigenze di innovare e migliorare i processi, hanno favorito le valutazioni conducendo l’azienda a decidere di integrare la tecnologia Austep UASB.

Il progetto ha riguardato la realizzazione di un impianto di digestione anaerobica finalizzato al trattamento di degradazione e smaltimento dei rifiuti liquidi con un alto livello di COD (sostanze organiche) e successivo recupero energetico. La degradazione anaerobica dei reflui produce biogas che viene utilizzato quale combustibile per l’alimentazione di un motore cogenerativo finalizzato alla produzione di energia elettrica.

“La nostra filosofia aziendale si basa da sempre sull’innovazione, pertanto la scelta rivolta ad Austep è stata facile e naturale. Il loro impegno nell’ambito della ricerca e sviluppo di tecnologie innovative è uno degli aspetti che ci ha guidato nelle valutazioni” commenta Renzo Sbrissa, Titolare di General Fusti “L’impianto progettato e fornito da Austep è, di fatto, il primo in Italia applicato a un trattamento rifiuti conto terzi. Ma conosciamo l’azienda e la competenza delle sue risorse. L’impianto non è ancora completamente a regime, pertanto non siamo in grado di fornire dati significativi sul ritorno dell’investimento, ma prevediamo di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati in termini di riduzione dei costi di produzione, economici e di impatto ambientale”.

L’impianto gestisce inoltre il trattamento dell’effluente gassoso, ovvero il trattamento e la purificazione dei fumi prima della reimmissione in atmosfera. È composto da un monoreattore di capacità volumetrica di circa 75 m3 e la fase di analisi e progettazione prevede che, una volta a regime, dovrebbe essere in grado di degradare circa una tonnellata di COD/giorno. Grazie al servizio di manutenzione, sono previsti interventi di routine prevalentemente sulla taratura delle sonde e la supervisioni di strumenti meccanici, il cui controllo viene anche rilevato automaticamente dal sistema software, in base alle effettive ore di lavoro.

“Innovazione e tecnologia sono le fondamenta della nostra mission. Il mercato ci offre spunti di riflessione e di analisi tutti i giorni e gli impianti progettati e sviluppati per i nostri clienti sono la risposta concreta dell’attenzione che poniamo alle loro esigenze” è il commento di Alessandro Massone, Amministratore Delegato e Presidente di Austep “In particolare, poter contribuire alla riduzione dei costi di produzione, generando un abbattimento sull’impatto ambientale, come accade con l’impianto sviluppato per General Fusti, ci permette di perseguire i nostri obiettivi, con impegno sempre rinnovato”.

Condividi: