Home Imprese Sostenibili Sanremo, smart city grazie al progetto Smartgen

Sanremo, smart city grazie al progetto Smartgen

città: Imperia - pubblicato il:
sanremo smartgen

sanremo smartgenUno dei fattori abilitanti per la realizzazione di una città intelligente, Smart City, è la possibilità di gestire in modo flessibile l’uso del vettore energetico elettrico tramite una smart grid che coordini la produzione da fonti rinnovabili locali con le sorgenti tradizionali e i consumi, consentendo di migliorare il risparmio energetico, i sistemi di trasporto e la qualità dei servizi.

L’esigenza si pone sia per i grandi agglomerati urbani, caratterizzati da alta complessità, sia per le aree urbane minori che, a fronte di una minore complessità, devono gestire in modo ottimale un numero limitato di risorse a parità di qualità del servizio.

Il progetto SmartGen, Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile, fornisce soluzioni di gestione intelligente di reti di distribuzione attive (cioè con presenza di risorse di generazione distribuita e accumulo, con la possibilità di controllare il carico nel rispetto dei vincoli tecnici ed economici) che possono essere validamente utilizzate anche in realtà piccole dimensioni e che, in particolare, sono attualmente sperimentate nella rete di distribuzione di una realtà urbana di medio-piccola dimensione come Sanremo (54.000 abitanti).

Una smart grid combina tecnologie (elettriche, elettroniche e informatiche), metodologie e infrastrutture per facilitare la connessione e il funzionamento di generatori di differenti tipologie e dimensioni; rendere gli utenti attori informati e consapevoli dei consumi e dei costi associati; migliorare la sicurezza delle forniture di energia; facilitare l’avvento di mercati liberalizzati dell’energia e di servizi competitivi e più economici.

SmartGen ha sviluppato una architettura di un gestore centralizzato di porzioni di reti elettriche di distribuzione (Distribution Management System), capace di gestire problemi di ottimizzazione, controllo dei flussi di potenza e tensione, fornitura dei servizi ausiliari da generazione rinnovabile diffusa e di utilizzare il carico come risorsa distribuita e controllabile.

Per validare le funzionalità del DMS realizzato, sono stati utilizzati tre siti sperimentali dalle caratteristiche diverse e complementari: l’Area Sperimentale ENEL di Livorno; la Rete di distribuzione elettrica di AMAIE S.p.A. di Sanremo; le installazioni di fotovoltaico, accumulo e sistemi di monitoraggio presso l’Università di Genova, località Darsena-Porto Antico.

Il Consorzio che ha sviluppato il progetto è costituito da un insieme di attori qualificati: il capofila (Softeco Sismat Srl), società di sviluppo e integrazione di sistemi informatici con significativa attività di ricerca nazionale e internazionale, leader nel campo delle soluzioni gestionali per trader, grossisti e aziende multiutility operanti sul mercato libero; un ente di Ricerca (ENEL Ingegneria e Ricerca) con esperienza pluriennale nel settore delle energie rinnovabili e delle reti elettriche; una società industriale (sdi SpA) con esperienza di produzione, installazione e ricerca nell’ambito dell’automazione industriale con particolare riferimento al settore energetico (produzione e distribuzione energia elettrica, reti gas); due Università (Università di Genova e Università di Bologna) con qualificata esperienza internazionale sui temi della gestione, modellistica e controllo dei sistemi elettrici per l’energia.

La rete elettrica di distribuzione di Sanremo gestita da AMAIE S.p.A. si sviluppa su circa metà del territorio comunale e comprende sia aree urbane sia aree rurali. Le utenze alimentate sono circa 30.000 (27.000 domestiche, 3.000 altri usi, 15 industriali, ospedale, casinò, depuratore, acquedotto) con la presenza di circa 90 impianti fotovoltaici che hanno un sostanzioso impatto sul bilancio energetico dell’intera rete.

La sperimentazione del progetto SmartGen interessa una porzione rilevante della rete che è stata dotata di sensori (figure 1 e 2) e collegata a un sistema di gestione centrale (figura 3). Il sistema consente di conoscere istantaneamente i flussi dei energia in ogni ramo monitorato, stimare i consumi previsti nel breve e medio periodo, stimare il contributo dei sistemi di generazione distribuita (sfruttando al meglio l’energia prodotta da fonti rinnovabili), effettuare un bilanciamento ottimale dei flussi di energia, regolare la rete in modo da ridurre le perdite e migliorare le procedure di individuazione di eventuali guasti. La combinazione di queste funzioni consente di raggiungere due obiettivi: da un lato un migliore efficienza e dall’altro un incremento della qualità del servizio agli utenti.

SmartGen è un progetto finanziato nell’ambito dei Progetti di Ricerca e Sviluppo di interesse generale per il Sistema Elettrico di cui D.M. 8 MARZO 2006. Il responsabile del progetto è l’ingegner Gianni Viano, SOFTECO SISMAT, Genova ([email protected]); il coordinatore Scientifico è il professor Stefano Massucco, Università degli Studi di Genova ([email protected]) e il referente sito pilota Sanremo à l’ingegner Enrico Bessone, AMAIE S.p.A ([email protected]).

L’articolo è stato realizzato da Stefano Massucco, Università degli Studi di Genova, Delegato del Rettore per il risparmio energetico.

Condividi: