Home Eventi Ripe libera tutti, eco-teatro, spazi recuperati, cultura e comunità

Ripe libera tutti, eco-teatro, spazi recuperati, cultura e comunità

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
ripe libera tutti

ripe libera tuttiRipe Libera Tutti! Sabato 18 e domenica 19 luglio il borgo di Ripe San Ginesio, a Macerata, riprende vita per una due giorni di concerti, letture e arte contemporanea di tutta eccellenza, in una festa corale, che riapre porte e finestre del centro storico ripano e dà il via ai preparativi per il Borgo Futuro Festival 2015.

Ospite d’eccezione, Nada Malanima. La cantautrice toscana si esibirà sabato sera, all’interno del tour Occupo poco spazio. La data inaugura la stagione dell’eco-teatro La cava, affascinante location all’aperto di Ripe recuperata da una cava dismessa. Ad aprire il live di Nada, dall’Emilia Romagna arriva Io e la tigre, energetico duo al femminile.

Ripe Libera Tutti è anche e soprattutto l’inizio di un percorso tematico, che porterà la vasta rete di associazioni e movimenti legati a Borgo Futuro a esplorare il tema del luogo abbandonato, da recuperare. E mai come stavolta la cultura ha un impatto concreto sulla comunità, perché il piccolo comune è pronto a lanciare una vasta iniziativa per il recupero qualificato del suo centro storico, che vivrà la sua evoluzione nei prossimi mesi, nel percorso di preparazione a Borgo Futuro 2015.

Di questo tema si è occupata la poetessa Azzurra D’Agostino, che al crepuscolo di domenica leggerà brani tratti dal suo Canti di un luogo abbandonato, il testo con cui ha appena vinto il premio Carducci, uno dei maggiori riconoscimenti nazionali in fatto di poesia. Dopo di lei, a chiudere la serata di domenica, fa tappa a Ripe la rock band His clancyness, nel mezzo di un lungo tour nazionale.

Gli spazi liberati sono anche la miccia che ha dato vita, qualche mese fa, a un importante percorso di aggregazione di associazioni e movimenti della provincia di Macerata sul tema del mutualismo. Tra questi, La SOMS di Corridonia e l’associazione Sottoradice, che sabato e domenica dalle 18 daranno vita allo spazio SOMS Relax: djset e concerti accompagnati da sfiziose proposte enogastronomiche. In particolare, domenica alle 18:30, esibizione live di Stèv.

Anche la proposta artistica non è mai stata così ricca, per aprire la trentunesima edizione della mostra Ripe Arte. Sabato alle ore 18 saranno presentate le opere dei vincitori del bando youbiquity, promosso dalla regione Marche e dal Ministero delle politiche giovanili e aperto ad artisti marchigiani under 35. Le opere sono state realizzate ad hoc negli spazi sfitti offerti dal centro storico del paese, durante una settimana di workshop diretto da Giovanni Termini, artista e docente dell’accademia di Macerata.

Domenica, sempre alle 18, sarà presentata la mostra Luce del nord, frutto di un’altra prestigiosa collaborazione del piccolo comune con l’accademia di belle arti di Stoccolma. L’artista Roberto Torregiani, che si divide da sempre tra Ripe e la capitale svedese, darà poi vita a un workshop sull’uso del colore, coinvolgendo dodici suoi allievi svedesi, che per l’occasione vivranno a Ripe San Ginesio, continuando fino al 26 luglio l’ideale percorso di residenza artistica iniziato con youbiquity.

Insomma, tante iniziative per un solo ideale, che caratterizzerà Borgo Futuro 2015: invertire la tendenza dello spopolamento dei centri storici e recuperare lo spazio del borgo come simbolo di un percorso esistenziale che sappia coniugare sostenibilità, mutualismo ed eccellenza culturale, valorizzando le differenze e anzi aggiornandole agli stimoli della contemporaneità.

Condividi: