Home News Riqualificazione urbana e illuminazione nel quartiere Navile

Riqualificazione urbana e illuminazione nel quartiere Navile

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
riqualificazione urbana bologna

riqualificazione urbana bolognaUn progetto ambizioso di riqualificazione urbana che sta riportando sicurezza, bellezza e un risparmio energetico complessivo del 65% nel quartiere popolare Navile di Bologna: è quello, appena concluso, realizzato per il restyling del sistema di illuminazione pubblica di una parte del quartiere, voluto dal Comune e gestito da Enel Sole.

Si tratta di una riqualificazione che si estenderà anche ad altre zone della città nell’arco di circa tre anni con l’installazione di 6mila corpi illuminanti. Performance in Lighting è stata scelta per il progetto illuminotecnico dei giardini del Navile, in cui sono stati installati 40 apparecchi modello Spillo, a un’altezza di 5 metri, sviluppati in due versioni: una con distribuzione rotosimmetrica 28 Led 4000 K, potenza 31 Watt, e una con distribuzione a doppia asimmetria 28 Led 4000 K, 16 LED + 12 LED, potenza 31 Watt.

Quest’ultima è stata studiata e sviluppata da Performance in Lighting appositamente per rispondere a esigenze illuminotecniche specifiche del progetto: alcune aree coinvolte presentavano, infatti, la necessità di questo tipo di distribuzione luminosa, con caratteristiche di asimmetria e retroilluminazione.

Con la prima versione di Spillo si illuminano zone in cui è richiesta luce uniforme distribuita a 360°, senza esigenze di orientamento specifico, distribuzione idonea per parchi, giardini e grandi aree in generale.

Con la seconda, con ottica a doppia asimmetria, la distribuzione è l’ideale per illuminazione di percorsi ciclopedonali, garantendo comunque una retroilluminazione necessaria a illuminare anche la zona adiacente al camminamento. Tutto ciò per avere un maggior confort visivo e garantendo al contempo le condizioni di sicurezza che sono fondamentali in un parco pubblico.

Inoltre, tra le esigenze principali espresse dalla committenza per l’illuminazione delle aree verdi troviamo: la resistenza meccanica degli apparecchi, la garanzia di lunga durata nel tempo e la prevenzione contro gli atti vandalici. Spillo, di Performance in Lighting, è realizzato in alluminio pressofuso, particolarmente resistente anche all’ossidazione. Questa caratteristica, unita alla resa luminosa performante garantita dalla tecnologia Led di ultima generazione, dall’unicità delle ottiche (interamente disegnate da Performance in Lighting), dal design innovativo e contemporaneo (che ricorda appunto la forma di uno spillo) e alla facilità d’installazione, ha fatto sì che Enel Sole lo preferisse ad altre soluzioni di differenti fornitori.

Spillo ha inoltre una vita media del circuito Led di 60mila ore e richiede una manutenzione quasi nulla. È in linea con le più strette normative riguardanti l’inquinamento luminoso. Gli apparecchi sono dotati di un connettore rapido che consente una connessione veloce alla rete elettrica, per cui l’installatore non deve aprire l’apparecchio per il collegamento alla rete.

“Quello per il comune di Bologna è per noi il primo progetto di ampio respiro che realizziamo per la pubblica amministrazione. Si tratta di una installazione importante per la quale abbiamo proposto una delle nostre soluzioni più moderne, in funzione della valorizzazione del territorio e della sicurezza per la cittadinanza” dice Giovanni Sartori, responsabile contract Italia di Performance in Lighting, che ha seguito la realizzazione con Nicola Fasoli, responsabile dello staff tecnico dell’azienda “Con questo lavoro, che vuole essere un esempio positivo di rinnovamento, auspichiamo di dare il via a una serie di progetti che possano estendersi anche ad altri comuni italiani per dare più luce e armonia nei centri urbani. L’azienda ha investito molto in questa direzione, mettendo a disposizione delle pubbliche amministrazioni la propria esperienza per sviluppare impianti che offrano le caratteristiche di risparmio, efficienza energetica e bellezza”.

Condividi: