Home Curiosità L’Almanacco della Scienza del CNR svela le curiosità dell’estate

L’Almanacco della Scienza del CNR svela le curiosità dell’estate

pubblicato il: - ultima modifica: 10 Aprile 2020
www.almanacco.cnr.it

www.almanacco.cnr.itIn estate si ha maggior possibilità di entrare in contatto diretto con l’ambiente, dal mare alla montagna, al lago, e con i fenomeni naturali e così capita anche di interrogarsi sulla loro origine: nel focus monografico dell’Almanacco della Scienza i ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche spiegano i più comuni fenomeni naturali.

Alessandro Iafrati dell’Istituto nazionale per studi ed esperienze di architettura navale e Georg Umgiesser dell’Istituto di scienze marine svelano rispettivamente come si formano le onde marine e la dinamica delle correnti; Silvio Davolio, dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima, illustra i tipici temporali pomeridiani della bella stagione; Giuseppe Morabito, dell’Istituto per lo studio degli ecosistemi, spiega cosa determina le diverse colorazioni dei laghi; Giancarlo Ciotoli, dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria, rivela l’origine delle fonti termali; Antonio Moretti, dell’Istituto di scienze delle produzioni alimentari, ci dice perché alcuni funghi siano velenosi per l’uomo; Daniele Malfitana, dell’Istituto per i beni archeologici e monumentali, parla del criterio di riconoscimento quale Patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco.

In Vita CNR si parla, tra l’altro, del successo del team di Bari, del quale fa parte l’Istituto di studi sui sistemi intelligenti per l’automazione, nella competizione lanciata dalla Harvard Medical School per individuare gli algoritmi migliori finalizzati a predire le patologie neurodegenerative.

Nel Faccia a faccia un’intervista al giudice costituzionale Sabino Cassese. Negli Appuntamenti, si ricorda, tra l’atro, la mostra Le chiavi di Roma. La città di Augusto che aprirà ai Fori Imperiali il 23 settembre. Tra le Opportunità, ricordiamo la prossima scadenza, il 31 agosto, per partecipare al Premio nazionale di divulgazione scientifica promosso dall’Ail.

Condividi: