Home Imprese Sostenibili Barilla e Ercolini, verso l’ambiente un sentire condiviso

Barilla e Ercolini, verso l’ambiente un sentire condiviso

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
incontro ercolini barilla

incontro ercolini barillaSi è svolto nei giorni scorsi l’incontro tra Barilla e il Goldman Prize 2013 per l’ambiente Rossano Ercolini, ricevuto in via Mantova con una delegazione dell’Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma. Incontro importante, aperto, approfondito, lungo, sincero, fuori dagli schemi.

In questo articolo vengono riportate le sensazioni a caldo che hanno provato il Goldman Prize 2013 Rossano Ercolini, Francesco Barbieri e Aldo Caffagnini dopo il lungo dialogo con Paolo Barilla e il suo staff.

Doveva trattarsi di un’oretta. Poteva ridursi a una manciata di minuti. Invece l’incontro tra le due delegazioni è durato un paio d’ore. Gli interlocutori hanno esposto con tranquilla chiarezza e ascoltato con attenzione e interesse senza tabù di sorta.

Il riconoscimento ricevuto da Rossano, le sue esperienze e i suoi contatti in giro per il mondo hanno permesso di esaminare il tema inceneritore in modo profondo, fuori dai confini locali.

Entrambe le parti condividono preoccupazioni, attenzione, tensioni attorno a questi temi. I contatti e le relazioni internazionali allacciate in questi anni, da Paul Connett a Jeremy Irons, Jack Macy, Michael Braungart, le rete internazionale Rifiuti Zero e il prestigioso riconoscimento conferito a Rossano Ercolini, hanno messo in discussione passi e progetti che fino a pochi anni fa apparivano certezze.

Ogni attore, all’interno del proprio ambito, condivide il bisogno di fare la sua parte per trasformare criticità in punti di forza. La nostra storia non è estranea a cambiamenti radicali e repentini, anche apparentemente impossibili. In tempo di guerra gli americani trasformarono l’industria civile in industria bellica in pochi mesi. In tempo di pace non riusciamo a dare vita a un nuovo miracolo dove tutti gli attori, dall’università alle forze imprenditoriali, politiche e della società civile, concorrono al bene comune?

Per fortuna però ci sono persone che sia possibile creare un cambiamento che le future generazioni non dimenticheranno. Persone come Ercolini e i tanti cittadini che si danno da fare all’interno dell’associazione Gestione Corretta Rifiuti, ne siamo sicuri, ci proveranno fino in fondo.

Condividi: