Home Eventi Puliamo il Mondo 2014: adesione prorogata al 31 agosto

Puliamo il Mondo 2014: adesione prorogata al 31 agosto

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
puliamo il mondo

puliamo il mondoÈ stata prorogata al 31 agosto l’adesione all’iniziativa di Legambiente Puliamo il Mondo, per mettere altre settimane a disposizione degli Enti, delle Associazioni, delle Scuole e di tutti coloro che vorranno aderire alla ventiduesima edizione della versione italiana di Clean Up the World.

Clean up the World è il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo e anche in Italia, dal 1993, è presente su tutto il territorio nazionale grazie all’instancabile lavoro di oltre 1000 gruppi di volontari dell’ambiente, che organizzano l’iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, aziende, comitati e amministrazioni cittadine.

Con questa iniziativa vengono liberate dai rifiuti e dall’incuria i parchi, i giardini, le strade, le piazze, i fiumi e le spiagge di molte città del mondo. La campagna ha avuto origine dalla collaborazione tra Clean Up Australia e l’UNEP (United Nations Enviroment Programme), legate dal comune obiettivo di estendere su scala globale quanto proposto dall’iniziativa Clean Up Sydney Harbour Day, realizzata in Australia nel 1989.

Clean Up Sydney Harbour Day e, successivamente, Clean Up Australia sono stati ideati dal costruttore e velista australiano Ian Kiernan. Nel 1987 Ian Kiernan, navigando attraverso gli oceani con la sua barca a vela, fu impressionato e disgustato dall’enorme quantità di rifiuti che incontrava ovunque andasse, anche nelle aree più incontaminate come il Mar dei Sargassi nei Caraibi.

Nel 1990, sull’onda di quello che fu un grande successo, venne mobilitata l’intera nazione, nella prima giornata di Clean Up Australia, che registrò una partecipazione di oltre 300.000 volontari. Nel 1993, Clean Up Australia coinvolse altri paesi nella sua campagna di impegno per la tutela dell’ambiente, dando vita alla prima edizione di Clean Up the World scaturito poi nell’iniziativa italiana Puliamo il Mondo.

Condividi: