Home News Vendita di auto elettriche: Europa perde 1 a 8 contro gli USA

Vendita di auto elettriche: Europa perde 1 a 8 contro gli USA

pubblicato il: - ultima modifica: 9 Agosto 2020
auto elettriche

auto elettricheNel vecchio continente la vendita di auto elettriche è ancora molto contenuta rispetto agli Stati Uniti dove sono stati venduti oltre 250.000 veicoli.

Il periodo di crisi in cui stiamo da tempo arrancando non sembra voler volgere al termine, per questo motivo il taglio dei costi sta diventando una priorità sempre più tangibile per molti consumatori.

Per quanto molte spese siano superflue e quindi evitabili, tantissime altre, come quelle legate alla gestione della propria autovettura, sono assolutamente imprescindibili e l’unica alternativa in mano agli italiani resta quella di confrontare le assicurazioni auto più convenienti per riuscire a trovare il preventivo dall’importo più contenuto e risparmiare almeno su quello.

A causa dei continui rincari sulle polizze, però, sono sempre più numerosi gli automobilisti che optano per l’acquisto di una vettura ibrida, in particolare alimentata a energia elettrica.

Questo tipo di scelta ha suscitato particolare interesse soprattutto negli Usa dove, secondo i dati raccolti dall’associazione PlugIn America, nei primi otto mesi del 2014 le immatricolazioni delle auto elettriche e ibride ha superato le 250.000 unità, una cifra da record che determina una crescita del 39% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Lo stesso però non si può dire per l’Europa: il confronto con i dati relativi agli Stati Uniti ha riportato che per ogni veicolo venduto nel vecchio continente, oltreoceano ne vengono acquistati 8. Questo divario potrebbe essere dovuto alla più ampia varietà di modelli offerti negli USA, ma a pesare in modo determinante è di certo l’impegno delle amministrazioni americane nell’incentivare l’acquisto di questi veicoli, sia in termini di agevolazioni economiche che di infrastrutture di ricarica messe a disposizione.

Prima di poter effettuare un raffronto veritiero è necessario attendere i dati del mese di agosto relativi alle ibride ricaricabili, in ogni caso le 31.000 unità stimate dall’Eagle AID, società di analisi di mercato inglese, rappresentano un traguardo ben diverso rispetto a quello ormai raggiunto negli States.

Si parla comunque di un progresso rispetto ai risultati ottenuti per il 2013, ma in buona parte gli esiti positivi sono da imputare unicamente alle vendite della Norvegia. Nel Paese scandinavo, infatti, le vendite di auto elettriche toccano una media di 1.500 veicoli al mese, per un totale di 10.000 veicoli, ovvero un terzo di quelli venduti nell’intero continente.

Il contributo dell’Italia, per quanto riguarda i risultati complessivi, incide in modo irrisorio: nei primi 8 mesi dell’anno, sono stati venduti solo 699 esemplari di auto a batterie. L’unica nota positiva è che questo dato segna comunque un aumento del 23% rispetto alle consegne effettuate nel 2013, quando il numero di modelli venduti era fermo a 528.

La crescita nella vendita di veicoli ibridi, per quanto estremamente rallentata, resta un punto nel quale credere e investire. Il fatto che l’andamento positivo delle vendite coostituisca una tendenza ormai affermata, dimostra la volontà di affidarsi sempre più a questo tipo di veicoli, che consentono non solo un decisivo risparmio, ma anche una maggiore mobilità nel pieno rispetto dell’ambiente.

Condividi: