Home Eventi Strategic Energy Technology Plan: innovazione e ricerca

Strategic Energy Technology Plan: innovazione e ricerca

pubblicato il: - ultima modifica: 2 Giugno 2020
strategic energy technology plan

strategic energy technology planOltre 500 delegati da tutta Europa e rappresentanti ai massimi livelli delle Istituzioni europee e nazionali sono attesi a Roma il 10 e l’11 dicembre per la settima conferenza Strategic Energy Technology Plan (SET-Plan), la due giorni sull’energia, organizzata dall’ENEA per conto della Commissione europea, nell’ambito del semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea.

Istituito nel 2007, il piano strategico europeo per le tecnologie energetiche (SET-Plan) è il pilastro tecnologico dell’Unione europea nel campo delle politiche energetiche e climatiche per favorire lo sviluppo di tecnologie low carbon, attraverso la costituzione di joint partnership tra il mondo della ricerca, l’industria, la Commissione europea e gli Stati membri.

Il suo principale obiettivo è quello di contribuire alla transizione verso un’economia a basso tenore di carbonio entro il 2050, riducendo le emissioni di CO2 e incrementando la sicurezza delle forniture energetiche in modo sostenibile e competitivo, attraverso un uso più efficiente delle risorse disponibili.

“Lo sviluppo della ricerca e la diffusione dei risultati sono l’unica arma che l’Italia e l’Europa hanno per poter competere sullo scenario globale. Per questo l’evento di dicembre è di grande rilievo per valorizzare e promuovere il ruolo dell’innovazione tecnologica e della ricerca per raggiungere gli obiettivi UE al 2030 in termini di sostenibilità, competitività e sicurezza delle forniture” ha dichiarato il Commissario ENEA, Federico Testa, nel presentare l’evento a Bruxelles, insieme all’Ambasciatore d’Italia in Belgio, Alfredo Bastianelli.

La Strategic Energy Technology Plan è una iniziativa della Commissione europea (Direzioni Generali Ricerca e Innovazione, Energia e Joint Research Centre). Per l’Italia sono competenti il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero dello Sviluppo Economico. Per partecipare alla conferenza di dicembre a Roma occorre registrarsi online.

Condividi: