Home News Fotovoltaico: le certezze delle detrazioni a dicembre 2014

Fotovoltaico: le certezze delle detrazioni a dicembre 2014

pubblicato il: - ultima modifica: 5 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

investire nel fotovoltaicoNegli ultimi giorni è emersa la possibilità di estendere le detrazioni fiscali del 50% e del 65% al 2017 con decrementi lineari: ne hanno parlato diversi Ministri in carica nel Governo Renzi interessati a dimostrare come questi siano dei mezzi in grado di dare possibilità e vantaggi sia per le famiglie che per lo Stato (vale circa il 2% del PIL).

Ne beneficerà sicuramente anche il mercato del fotovoltaico alle prese con il rush finale delle installazioni di fine anno. Di fatto, in questi ultimi mesi dell’anno tutto ruota ancora intorno all’attuale meccanismo di incentivazione statale che per gli interventi di ristrutturazione edilizia e di efficientamento energetico è rappresentato dalle detrazioni fiscali, con aliquote rispettivamente del 50% e del 65% che, almeno sulla carta, scadranno il 31 dicembre 2014.

Perché scegliere questo investimento? Uno degli interventi più richiesti in fase di ristrutturazione è l’installazione di impianti fotovoltaici, tecnologia che sta vivendo una seconda giovinezza dopo un primo periodo di razionalizzazione legato alla fine degli incentivi statali (Conto Energia).

Lo scorso dicembre il parlamento ha approvato la legge di Stabilità per l’anno 2014 (L.27.12.2013 n. 147) dove veniva presentato il piano dell’allora governo Letta per garantire una più armoniosa diffusione degli impianti fotovoltaici e al contempo contenendo i costi gravanti sulla fiscalità generale, arrivando a fissare l’aliquota al 50% per il solo anno 2014, al 40% per il 2015 per poi assestarsi al 36% fino al 2020.

Possono beneficiare di tale incentivo tutti i soggetti passivi Irpef, vale a dire persone fisiche e i soggetti a essi equiparate (come per esempio le società di persone). Quest’ultima categoria è interessata anche da un secondo vantaggio: quello di poter rifare il tetto del capannone aziendale smaltendo l’eternit e godendo dell’apposita detrazione fiscale (65% per rifacimento copertura) per interventi entro il 31 dicembre 2014.

“Se si considera che l’iter burocratico medio” spiega un portavoce di Elmec Solar “tra la firma del contratto e l’allacciamento dell’impianto fotovoltaico alla rete Enel è di circa 2 mesi e mezzo, il tempo disponibile per valutare con calma questo investimento è quasi agli sgoccioli se si vuole beneficiare dell’aliquota più interessante”.

Condividi: