Home Green Jobs Progettare e gestire parchi e giardini, i nuovi tecnici del verde

Progettare e gestire parchi e giardini, i nuovi tecnici del verde

città: - pubblicato il: - ultima modifica: 13 Gennaio 2016
tecnici del verde fondazione mach

tecnici del verde fondazione machSi sono diplomati alla Fondazione Edmund Mach undici nuovi tecnici del verde. Teresa Curzel, Stefania Degasperi, Massimiliano Strino, Milo Tamanini, Sergio Tommasi, Prisca Rizzoli, Mattia Balbinot, Martina Biesuz, Luca Casagrande, Omar Cozzucoli, Michele Dalcastagnè, hanno concluso con la discussione dell’elaborato finale e la successiva proclamazione il corso post-diploma organizzato nell’ambito dell’alta formazione professionale e sono pronti a entrare nel mondo del lavoro per progettare, realizzare e gestire le aree verdi.

I diplomati della terza edizione hanno illustrato gli elaborati finali a una commissione presieduta da Michele Pellerey, docente presso l’Università Salesiana di Roma e da anni consulente anche per la Provincia Autonoma di Trento per quanto riguarda i percorsi di formazione professionale.

A oggi sono 31 i tecnici diplomati dal corso promosso dalla Provincia Autonoma di Trento, progettato e attuato dalla Fondazione Edmund Mach. I partner principali sono il Dipartimento Risorse Forestali e Montane della Provincia autonoma di Trento, la Federazione Trentina delle Cooperative, il Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach, il Comune di Trento, il Comune di Pergine Valsugana.

Il corso superiore per tecnici del verde, di durata biennale, si rivolge a diplomati con indirizzo agrario, ma non solo. Riconosciuto a livello nazionale e internazionale ed equiparato ai corsi istruzione tecnica superiore nazionale, il percorso formativo si compone di lezioni teoriche ed esercitazioni, ma anche di periodi di praticantato presso aziende italiane e straniere, per un totale di 300 ore di lezione.

Le aree tematiche vanno dall’ecologia urbana e lettura del paesaggio all’agronomia e alle tecniche di coltivazione, dalla botanica applicata alla fitopatologia, dalle tecniche per il verde, gestione, progettazione e realizzazione di aree verdi alle normative specifiche del settore, senza trascurare i metodi di indagine e sperimentazione, la lingua straniera e la comunicazione, la salute e la sicurezza, l’informatica applicata.

Condividi: