Home Imprese Sostenibili Sotto il muro dei 100 kg: premiati i comuni virtuosi

Sotto il muro dei 100 kg: premiati i comuni virtuosi

città: - pubblicato il:
sotto il muro dei 100 kg

sotto il muro dei 100 kgLo scorso sabato, a Monte San Pietro, Bologna, si è svolta la premiazione del progetto Sotto il muro dei 100 kg, promosso dall’Ecoistituto di Faenza, diretto da Natale Belosi e indetto da WWF, Legambiente, Movimento legge rifiuti zero, Associazione Comuni Rifiuti Zero, Associazione GCR.

La campagna Sotto il muro dei 100 Kg: comuni verso rifiuti zero è nata con l’obiettivo di individuare, premiare e dare visibilità a quelle esperienze in cui la combinazione di riduzione, prevenzione e raccolta differenziata ha portato a quantitativi molto ridotti di rifiuto urbano residuo, attraverso la diffusione di buone pratiche di gestione dei nostri scarti.

Tra di esse la promozione del compostaggio domestico, l’uso dell’acqua di rubinetto, l’incentivazione dell’uso dei pannolini riutilizzabili, la vendita di prodotti alla spina, nell’ottica secondo cui il miglior rifiuto è quello non prodotto.

L’individuazione dei comuni più virtuosi deriva dai dati Arpa Emilia Romagna, anno 2013, calcolati, per tutti i 348 comuni della Regione, sulla base dei criteri della proposta di legge ed elaborati dall’Ecoistituto di Faenza, quale Ente certificatore, che ha stilato una graduatoria generale, una graduatoria per le 3 aree di pianura, di montagna, dei capoluoghi e costa (le aree proposte dal piano regionale) con ulteriori suddivisioni per numero di abitanti, e una graduatoria per provincia.

Alla premiazione erano presenti diversi amministratori pubblici e volontari delle Associazioni impegnate sul tema dei rifiuti. Oltre a WWF e Legambiente, l’Associazione GCR ha partecipato presentando il progetto Rifiuti?Risorse!, come esempio di buone pratiche che debbono essere diffuse.

Alla sua terza edizione, il progetto propone agli Istituti scolastici di Parma un impegno su due fronti. La riduzione del rifiuto residuo e la raccolta differenziata spinta dei diversi materiali prodotti nel corso dell’attività scolastica (carta, cartone, plastica, lattine, barattolame).

La partecipazione al concorso a premi Rifiu-Ti-Amo!, per un coinvolgimento più attivo e creativo dei ragazzi. Al termine dell’anno scolastico, saranno premiate le scuole che risulteranno aver esposto il contenitore del rifiuto residuo il minor numero di volte e le scuole che avranno prodotto gli elaborati più originali sul tema delle 6R.

Tra i comuni primi classificati per aver ridotto i rifiuti residui al di sotto dei 100kg pro/capite, il secondo posto se l’è aggiudicato Felino. Ha ritirato il premio la vicesindaco Elisa Leoni, illustrando l’impegno dell’amministrazione e dei cittadini che, anche grazie alla tariffazione puntuale, hanno ottenuto ottimi risultati.

Era presente anche l’assessore Gabriele Folli, in quanto Parma è risultata come miglior Comune capoluogo per i rifiuti residui secchi avviati a smaltimento. I dati, riferiti all’anno 2013, sono destinati a migliorare, sia perché di recente tutta la città è stata coperta dal sistema di raccolta porta a porta, sia perché , dopo la sperimentazione nel periodo gennaio-giugno 2015, la tariffazione puntuale entrerà a pieno regime da luglio.

Enzo Favoino, tecnico e ricercatore presso la Scuola Agraria del Parco di Monza, centro di ricerca che ha avuto un ruolo fondamentale in Italia ed Europa per lo sviluppo e il consolidamento delle pratiche di raccolta differenziata, riciclaggio, compostaggio, riduzione, ha ribadito l’importanza di perseguire l’obiettivo di riduzione dei rifiuti, illustrando vari dati a livello europeo.

Il presidente della Dismeco, azienda di Marzabotto leader nel recupero dei rifiuti Raee, ha invitato a riflettere sulla necessità di creare una filiera corta anche per il recupero e riciclo dei materiali recuperati, spesso inviati ad aziende troppo lontane. Interessante è stato anche ascoltare un’esperienza di co-housing, la condivisione di spazi, di strumenti comuni (lavatrice, attrezzi dell’orto-giardino, compostiera) da parte delle famiglie di un condominio.

Dall’assessore all’Ambiente del Comune di Monte San Pietro, vincitore del premio Sotto il muro dei 100 kg, l’invito a lavorare in una rete di esperienze virtuose, affinché siano adottate da altre amministrazioni e a mantenere alta l’attenzione sia sulla Legge di iniziativa Popolare sui Rifiuti e sulle decisioni della regione in merito al decreto Sblocca.Italia.

Condividi: