Home News Sunrise, nasce un fondo che investe nel fotovoltaico

Sunrise, nasce un fondo che investe nel fotovoltaico

pubblicato il: - ultima modifica: 5 Agosto 2020
impianti fotovoltaici

impianti fotovoltaiciIris Fund SICAV SIF, la SICAV di arc Asset Management, management company indipendente specializzata nella creazione e nella gestione di soluzioni di investimento per investitori istituzionali e privati con importanti patrimoni, dopo True Energy, il fondo che investe nelle energie rinnovabili, lancia Sunrise, il comparto di private equity di diritto lussemburghese dedicato al settore fotovoltaico.

La mission del Fondo è di aggregare i progetti di media taglia (1MW) fino a raggiungere una potenza pari a 100MW mantenendo ritorni economici dall’investimento (IRR) rilevanti, in modo da valorizzare al meglio gli asset ottimizzando al contempo le esperienze degli imprenditori che hanno realizzato e gestito gli impianti fotovoltaici.

Sunrise si pone l’obiettivo di diventare uno degli operatori di riferimento del mercato fotovoltaico massimizzando in tal modo i vantaggi derivanti dalla massa critica e creando un collegamento tra il mondo finanziario e l’economia reale.

Tutto questo è possibile anche grazie alla partnership con Sunrise Advisory, che affianca il Fondo nel raggiungimento degli obiettivi definiti sfruttando al contempo le economie di scala e l’applicazione di tecnologie innovative.

Le competenze tecniche del team interno, insieme all’efficienza dei processi, mirano ad assicurare le performance degli impianti presenti nel fondo Sunrise, attraverso alte competenze specifiche di gestione economico-finanziaria e imprenditoriale, oltre a soddisfare l’esigenza della domanda e dell’offerta facendo incontrare il venditore e il compratore.

In Italia, infatti, è presente in questo momento una consistente offerta di impianti fotovoltaici con una dimensione inferiore a 1 MW, quasi il 99,8%, che possono essere acquisiti a costi convenienti anche per via delle difficoltà di accesso al credito e della necessità degli attuali proprietari di investire la liquidità nel loro core business.

È vero, poi, che esiste anche un numero importante di big player nel settore dell’energia, come per esempio i produttori di energia o coloro che producono il materiale per il settore fotovoltaico, interessati ad acquisire gli impianti ma che, per via delle economie di scala, guardano esclusivamente a soggetti che gestiscono in modo professionale almeno 100 MW.

La struttura finanziaria del Fondo si basa su azioni A, riservate a investitori puri e ai sottoscrittori cash, su azioni B riservate a investitori Contribution in Kind (che apportano impianti), sull’emissione di minibond destinati a investitori istituzionali di media e grande dimensione e su un bond internazionale per grandi investitori istituzionali italiani ed esteri. Complessivamente gli investimenti, sia in equity che in debito, saranno di circa 250 milioni di euro.

“In Italia in questo momento” dichiara Angelo Lazzari, Amministratore Delegato di arc Asset Management “ci troviamo in un’economia ancora in piena crisi, ma questo non significa che sul mercato non vi siano opportunità interessanti. Anzi, le opportunità si trovano proprio nella possibilità di creare soluzioni in grado di risolvere le difficoltà dei soggetti in stato di crisi con l’obiettivo di avvicinare la finanza all’economia reale. Sono molto orgoglioso del team altamente qualificato che compone sia Sunrise che Sunrise Advisory. Inoltre siamo supportati da Sunrise Lab, un centro di ricerca che ha il compito di sviluppare soluzioni innovative al fine di migliorare le prestazioni degli impianti di proprietà del fondo. Il nostro motto è: la vera energia risiede nelle persone che investono in essa”.

Condividi: