Home News Per IRENA le energie rinnovabili sono più competitive

Per IRENA le energie rinnovabili sono più competitive

pubblicato il: - ultima modifica: 2 Giugno 2020
fonti energetiche rinnovabili

fonti energetiche rinnovabiliÈ stato pubblicato il nuovo rapporto dell’agenzia internazionale IRENA secondo il quale le energie rinnovabili sono più convenienti delle fonti tradizionali.

Se inizialmente investire nelle energie rinnovabili sembrava un passo essenziale ai fini della sostenibilità ambientale e della riduzione delle dannose emissioni di CO2, a oggi sembra che puntare su fotovoltaico, idroelettrico ed eolico sia conveniente anche sotto il profilo economico.

Abbiamo ormai imparato a mettere le tariffe per l’energia elettrica a confronto e ridurre gli sprechi, adesso per ridurre i costi in bolletta ai consumatori non rimane che scegliere l’energia pulita.

IRENA, l’Agenzia Internazionale per le energie rinnovabili ha presentato in questi giorni il report Renewable Power Generation Costs in 2014: le energie rinnovabili si fanno sempre più competitive e, a seguito della riduzione dei costi di produzione le fonti di energia pulita hanno raggiunto la grid parity, rispetto ai combustibili fossili tradizionali.

IRENA ha valutato le energie rinnovabili sul mercato energetico delle diverse aree del mondo e, relativamente alle differenti tecnologie. In certi casi non solo le energie rinnovabili hanno raggiunto i combustibili ma sono risultate anche più convenienti.

Vediamo nel dettaglio i dati diffusi da IRENA relativamente alle diverse fonti di energia pulita. Dal report emerge chiaramente che biomasse, energia idroelettrica, geotermica ed eolica onshore sono tutte fonti competitive rispetto a carbone, petrolio e centrali elettriche a gas. È interessante notare che questi dati prescindono dal ricorso agli incentivi per le energie rinnovabili e non tengono conto del calo del prezzo del petrolio cui abbiamo assistito ultimamente.

Negli ultimi anni abbiamo visto la diminuzione dei costi di installazione per impianti a energia eolica onshore, fotovoltaico e solare a concentrazione (CSP) a fronte di una notevole implementazione delle performance di tali tecnologie. La possibilità di produrre e accumulare sempre più energia sta rendendo le fonti green estremamente competitive offrendo a privati e imprese la concreta possibilità di contribuire a realizzare un sistema energetico pulito e sostenibile, senza il dispendio di grandi risorse economiche.

Nel dettaglio IRENA ha evidenziato che in gran parte dei Paesi (Europa inclusa) l’energia eolica onshore è una delle fonti più competitive in termini di nuova capacità elettrica disponibile. In molti casi si pone in grid parity rispetto alle fonti fossili, se non addirittura in vantaggio.

I prezzi dei moduli solari fotovoltaici sono diminuiti del 75% dal 2009 e continuano a scendere. Dal 2010 al 2014 i costi degli impianti fotovoltaici in utility scale sono calati del 50%, quelli di installazione del 65%. Il fotovoltaico residenziale invece, rispetto al 2008 è più economico del 70%.

Per 1,3 miliardi di persone in tutto il mondo senza elettricità, le fonti rinnovabili rappresentano la sorgente più economica di energia. Le rinnovabili offrono anche enormi guadagni in termini di costi e di sicurezza per le isole e le altre aree isolate prive di autonomia diesel.

Il solare a concentrazione (CSP) e l’eolico offshore non sono ancora del tutto convenienti rispetto ai combustibili fossili, in futuro queste tecnologie potranno diventare assolutamente convenienti grazie allo sviluppo di tecnologie low cost supportate dalle politiche incentivanti.

Infine IRENA ricorda che il miglioramento dei prezzi delle energie rinnovabili non sono universali, e che i costi variano molto a seconda delle risorse, delle tecnologie e della disponibilità di finanziamenti.

Condividi: